Che ora è ?

domenica 4 maggio 2014

In un Video il Mediterraneo e i paesaggi greci di Francesco Grisi

di Pierfranco Bruni 

Il tempo resta un'onda di vento tra il mare greco e i mari degli Orienti. Cosa resta 
quando tutto si perde o scorre tra i ricordi che restano pause perdute?
Più volte ho raccontato di Francesco Grisi. Io posso essere di pare. Sono contento di esserlo per la troppa amicizia e la stima che continua ad attraversare la mia vita e la sua assenza. Il nostro incontro.

Assenza soltanto fisica, la sua. Perché c'è. C'è nel pensiero. C'è nelle parole. C'è nei luoghi che ha abitato. Rileggo i suoi romanzi. Cerco negli inediti dei dettagli per cercare di capire il senso e il non senso.
I suoi inediti, a distanza di quindici anni dalla sua scomparsa mi fanno compagnia. Il suo spazio geografico sono le città, i paesi, le strade, le case... 


Maria Zanoni e Claudia Rende per il Centro Culturale Arte26 hanno realizzato uno splendido Video "Omaggio a Francesco Grisi a 15 anni dalla morte". Un omaggio che è anche un dono rivolto a chi scrive. 
I luoghi, il mito, i simboli tra i paesaggi della Magna Grecia fanno il Mediterraneo. Il Mediterraneo in Grisi è la stanza delle etnie delle civiltà. Dentro il Mediterraneo ci sono le Calabrie che vivono di partenze e di ritorni. Cutro resta l'anima e il tempo di un umanesimo che il volto dei calabresi esprime. Tutto è espressione.
Il Video - Omaggio a Grisi grazie ad immagini , molto belle , propone una lettura tutta mediterranea del Grisi uomo e scrittore. Tocchi di magia. Magia che di fa alchimia. Alchimia che recita il mistero di un antico sogno. Il sogno è che che non c'è più ma che continua a vivere proprio tra lo spazio e il tempo di un umanesimo  che in Grisi significa religiosità e radici.
Ma la religiosità e le radici sono memoria. Nella scrittura di Grisi tutto è memoria perché tutto cammina sui fili di un sigillo che è  la nostalgia. Grisi è uno scrittore oltre i condizionamenti della critica. È un gioco. Giocare è inventarsi.
La religiosità è il sacro. La scrittura di Grisi vive di sacralità. Lo stesso Mediterraneo è intreccio di elementi mitici e di particolari in cui il sacro richiama eredità ed identità.
Il mare è il viaggio e il viaggiare in Grisi non è mai incasellare storie nel mosaico della vita. È sempre mistero ed echi di mistero nel mosaico del destino. Ma se il Mediterraneo è destino il linguaggio è rivelazione. In questo intaglio di esistenza lo scrittore non duplica mai. La finzione occupa la fantasia e il mistero si fa voce.

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.