Che ora è ?

giovedì 2 ottobre 2014

Tra favola e Realtà

di Filomena Russo

La  cigale et la fourmi   - La cicala e la formica 
La cigale, ayant  chanté - La cicala, avendo cantato 
Tout l’été,                  -        tutta l’estate
Se trouva fort dépourvue - si trovo’ sprovvista di tutto
Quand la bise fut venue:  -  quando l’inverno arrivò :
Pas un seul petit morceau  -  non un piccolo pezzo(boccone)
De mouche ou de vermisseau: - di mosca o di vermiciattolo:
Elle alla crier famine             -      lei  andò a dire che moriva di fame
Chez la fourmi sa voisine,     -    dalla formica sua vicina,
La priant de lui prêter     -       pregandola di prestarle
Quelque grain pour subsister -  qualche chicco per sopravvivere
Jusqu’à la saison nouvelle:   -    sino alla nuova stagione :
-Je vous paierai, lui dit-elle,  -   -io vi pagherò, le disse,
Avant l’août, foi d’animal,    -   prima di agosto, parola d’onore d’ animale
Intérêt et principal.             -     Interesse e capitale.
La fourmi n’est pas prêteuse:  -  La formica non presta volentieri :
C’est là son moindre défaut !   -  è  un suo piccolo difetto !
--Que faisiez-vous au temps chaud? - –Che facevate quando faceva caldo ?
Dit-elle à cette emprunteuse. - Disse a colei che chiede un prestito.
--Nuit et jour, à tout venant,  -  -giorno e notte, per tutti,
Je chantais, ne vous déplaise.  -  Io cantavo, non vi dispiaccia.
--Vous chantiez ? j’en suis fort aise. - Voi cantavate ?Ne sono lietissima  .  
Eh bien! Dansez maintenant!  -   Ebbene !  Adesso ballate!
J . DE LA  FONTAINE

Jean De La Fontaine nacque a Château-Thierry nel 1621 é conosciuto e ricordato soprattutto per “Les Fables et les Contes”(Favole e Racconti). (Les animaux, fourmis,rats,grenouilles,corbeaux,lions),
Gli animali ; formiche, topi, rane, corvi, leoni, tratti dalla tradizione, gli permettono di descrivere in  un quadro ironico e spietato i  suoi contemporanei, con le loro passioni, le loro debolezze, i loro vizi , che nel lettore fa scattare sorpresa o identificazione. In effetti La Fontaine ci suggerisce costantemente che si tratta di esseri umani.
Che  cosa è la “Favola”(definizione) :    la favola é una breve vicenda narrata per lo più in versi, i cui protagonisti possono essere persone, animali o cose, ed il cui fine é di far comprendere, praticamente e in modo facile e piano, una verità morale, l’insegnamento che se ne ricava, il significato sostanziale e conclusivo di un fatto o di una situazione

La Fontaine  é il continuatore dei favolisti antichi Esopo e Fedro ; “l’apologue, dit-il dans la  Préface des Fables choisies “ 1668, est composé de deux parties. Le corps est la fable, l’âme  la moralité. L’apologo,egli dice ,nella prefazione delle favole scelte é composto di due parti, il corpo è la favola, l’anima la moralità, e aggiunge.”je me sers des animaux pour instruire les hommes”. “Io mi servo degli animali per istruire, (educare) gli uomini” 
Le parole di La Fontaine sembrano illustrare quanto accade nella nostra società.
Talvolta o spesso gli esempi   degli animali nel loro vivere, secondo codici ben definiti, ci danno degli insegnamenti, se non ci suggeriscono delle considerazioni, che hanno riscontro nella quotidianità. C’é sempre chi si impegna, fatica per raggiungere degli obiettivi, dei risultati, ma anche solo per sopravvivere (come la formica) e chi non fa altro che blaterare, promettere e non fare,   giuocare, bighellonare, trastullarsi da mattina a sera,(come la cicala). Nulla però  é ben definito, tutto può accadere, anche lo sconvolgimento dei ruoli ; e chi ha sempre vissuto sulle spalle di chi ha sempre avuto il sudore sulla fronte per la fatica e per il pane quotidiano, può trovarsi a chiedere aiuto, perché non sa cosa fare. Molte sono le cicale e molte le formiche (la vita é una scelta, spesso condizionata, ma é una scelta). 
La base di questa favola é un piccolo dramma : la formica é l’emblema del lavoro (quando c’é) e dell’economia, ma si conduce male nei confronti della cicala, che le chiede di essere aiutata per non morire di fame ? 

Quante “CICALE” e quante “formiche”. Sono più le cicale o le formiche? Chissà è difficile dirlo e/o saperlo; ognuno faccia le proprie considerazioni e tragga le proprie conclusioni.

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.