Che ora è ?

mercoledì 8 ottobre 2014

Forte provocazione di Pierfranco Bruni al Convegno a Roma sul Mediterraneo e le etnie

“Perché continuare a parlare di Magna Grecia? Noi siamo eredi di nulla e del vuoto”

di Pierfranco Bruni

“Perché continuane a parlare di Magna Grecia dei popoli e delle civiltà quando il mondo attraversa conflitti tra Oriente ed Occidente che hanno ormai la dissolvenza dei confini?”.Provocatoria e stimolante relazione ha sviluppato Pierfranco Bruni nell’aprire il Convegno di studi su “Le etnie, il Mediterraneo e le donne tra il mare e il deserto nella letteratura del Novecento” svoltosi a Roma nella Sala di Palazzo Sora.
Proprio analizzando l’opera di Oriana Fallaci, di Marie Cardinal e di Matilde Serao ha fortemente catapultato il concetto “nostalgico” di Magna Grecia, addossando tutte le responsabilità di una incomprensione culturale a chi considera ancora il concetto di Magna Grecia radicato in una geografia diventata geo-politica.
“La Magna Grecia non c’è più, ha dichiarato Pierfranco Bruni, perché è finita nel momento in cui è crollato il Regno di Napoli, nel momento in cui si è concesso di stravolgere la tradizione fortemente Mediterranea e di affidare l’identità greco – latina a quelle appartenenze austro – ungariche”.

Parlando di letteratura ha fatto un richiamo alla scrittrice de “Il mare non bagna Napoli”, ovvero Anna Maria Ortese, sostenendo che “nel momento in cui il mare non può bagnare Napoli quella Magna Grecia delle lingue, delle etnie, delle antropologie è diventata anch’essa una archeologia dei saperi e rinchiudersi anche sul piano letterario ad una nostalgia magno greca significa lasciarsi catturare dal sonno delle profezie e delle innovazioni”.
Sottolineature che hanno permesso di suscitare un articolato dibattito e hanno permesso delle riflessioni abbastanza  ampie nel pubblico presente che non si aspettava una relazione rivoluzionaria come chiave d’inizio, tanto che Bruni ha stravolto il contesto del Convegno offrendo una riflessione in più rispetto alla quadrature delle indicazioni date.
Con molto coraggio Bruni ha marcato: “Qui non siamo venuti per parlare con i nostri compiti fatti a casa. Cominciamo ad impostare un nuovo modo di guardare al confronto culturale sulla Magna Grecia. Ci sono state, in queste ultime settimane e negli ultimi anni imprese filosofiche e letterarie che hanno permesso di guardare con uno sguardo più presente alla visione della Magna Grecia, che non è solo archeologia, ma anche lingua, etnia e letteratura. Dico questo perché spesso parliamo di Mediterraneo, ma lo stesso Mediterraneo non è più quello indicato dalle cartine geografie. C’è un Mediterraneo che è diventato metafisica dei popoli ed è su questo che bisogna reimpostare una nuova visione dell’essere Occidente e dell’essere Oriente”.
“Proprio per questo, ha aggiunto, mi riferisco ad Oriana Fallaci che è la scrittrice che incarna una Penelope che sa andare alla guerra. Per questo mi riferisco alla Cardinal che è l’emblema di un Mediterraneo altro o alla Serao che è una delle interprete più alte nel rapporto tra Magna Grecia, Regno di Napoli e le nuove frontiere. Oggi parlare di Magna Grecia non ha più senso soprattutto quando c’è una filosofia della letteratura che incalza tra gli Orienti e gli Occidenti”.
Un Convegno di alto spessore culturale nel quale Bruni, anche nel dibattito l’ha fatta da mattatore, provocando anche di più i convegnisti affermando: “Se l’ultima Regina del Sud è stata Maria Sofia perché si insiste con una Magna Grecia che è soltanto nostalgia? Non abbiamo bisogno di nostalgie neppure in letteratura, ma di reimpostare antropologicamente un rapporto tra etnie e lingue con delle generazioni di scrittori che non sanno scrivere e quando riescono a scrivere fanno semplicemente cronaca. Non c’è più una letteratura perché si sono staccate le coordinate tra la tradizione letteraria e la cronaca nella quale rappresentando il reale o l’immaginario reale si pensa di fare letteratura. Siamo molto distanti. E questo perché ci portiamo addosso il fatto di essere gli eredi della Magna Grecia”.
“Siamo eredi di un mondo arabo musulmano, di una cristianità, di una Cartagine decadente e ancora siamo dentro le fiamme di Troia, siamo gli eredi delle menzogne raccontate su Nerone, siamo  gli eredi di una classicità che non è greca ma araba, di una romanità che è quella di Cesare”.

Il Convegno intorno a questo argomentare ha spostato le coordinate per ulteriori approfondimenti. E la battuta finale di Pierfranco Bruni che è un interrogativo ha creato una atmosfera sospesa ma molto incisiva: “Siamo convinti di essere eredi di qualcosa? E se fossimo, oggi, eredi di nulla dal momento in cui tutto è decaduto?”.

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.