Che ora è ?

lunedì 15 dicembre 2014

I socialisti e Mussolini nella Grande Guerra nella verità di una storia da raccontare

Di Pierfranco Bruni 

Cosa è stato il contesto storico 1911 - 1914? Cosa è stato in una Italia che ancora non aveva ben compreso il processo politico nato dal 1861? 
Cosa stata la letteratura che racconta la falsa rivoluzione garibaldina e il Garibaldi tradito in un raccontare in cui il Risorgimento è attraversamento di epoche successive e di epoche decadenti che verranno?

Il contesto dei primi quattordici anni del Novecento sono anni di un forte dibattito tra dialettica e polemiche. Sono gli anni in cui Benito Mussolini non aderisce alla guerra Italo  - Turca, mentre Il discorso di Pascoli di Barga resta un riferimento centrale nel 1911.


È la temperie in cui Mussolini spacca, nel 1914, i socialisti e apre una vertenza tra nazionalisti, massimalisti, riformisti e sindacalismo. Gli scrittori non si allontanano da questa discissione. 
C'era stato un Edmondo De Amicis che ha legato la letteratura alla storia e un Verga che ha superato il naturalismo passando attraverso il realismo e andando verso un forte appiglio decadente. Come il grande processo innescato da D'Annunzio e anche da Pirandello.

Ma resta Mussolini il grande protagonista della scissione socialista. Partecipa alla Grande Guerra da socialista. È un dato assolutamente da non trascurare. Come non è da  trascurare la posizione di Gaetano Salvemini e Giovanni Amendola che restano interventisti nel dibattito, ma anche nella posizione sulla guerra.
Una questione tutta aperta è quella sia di Nitti che di Gobetti. Ma sono gli intellettuali ad essere interventisti tanto che si forma una vera e propria cultura dell'interventismo.
Si tratta di in'idea portante che condizionerà il pensiero del primo ventennio del Novecento. Proprio per questo bisogna uscir fuori dallo stupidume del ricordare, un concetto astratto banale e ignorantemente qualunquista, un evento, e mai una parantesi, come la Grande Guerra considerando fortemente l'idea della celebrazione.
Per i socialisti ci fu il Mussolini che spezzò il qualunquismo. Problema con il quale la Grande Guerra e la discussione su di essa dovrà fare ancora i conti. La letteratura non potrà e non dovrà smettere di confrontarsi con la storia. Mussolini resterà socialista e nazionalista per tutta la durata della Grande Guerra. Rese, da socialista, nazionalista la Prima Guerra Mondiale. 

La letteratura di quegli anni è dentro la storia perché gli scrittori e i poeti che la fecero parteciparono alla Grande Guerra. Anche la linea che va da Rebora a Cesare Giulio Viola.

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.