Che ora è ?

martedì 31 maggio 2016

Ceramisti a Grottaglie: FASANO CERAMICHE srl…

Dalle antiche anfore fino alle più moderne applicazioni industriali, i materiali come la ceramica e la porcellana hanno avuto sempre una parte importante nella tecnologia umana e sono stati impiegati tanto per rispondere a esigenze pratiche quanto per scopi artistici. Pensando alla ceramica, le prime cose che vengono in mente sono vasi, piastrelle e tazzine. Ma la ceramica e le sue diverse varietà, tra le quali la porcellana, hanno molti altri impieghi e costituiscono una delle più antiche e importanti tradizioni tecnologiche dell'umanità. La ceramica si fabbrica a partire dall'argilla, la roccia friabile di cui è costituito normalmente il terreno. L'argilla, con l'aiuto di un po' d'acqua, diventa una pasta che può essere modellata per assumere la forma voluta. Poi, sottoposta ad alte temperature, grazie a un forno o a un semplice fuoco, indurisce e diventa solida, e può essere usata per contenere cibo e bevande. Ma a seconda di quali elementi si aggiungono all'argilla e della temperatura a cui la si fa cuocere, la ceramica può acquistare anche altre proprietà molto interessanti, come la resistenza al calore e la capacità di isolare dall'elettricità o dai campi magnetici.
Detto questo,mi godo il nostro bel sole locale in compagnia di alcuni manufatti  della FASANO CERAMICHE srl  che, con la loro bellezza e cromaticita’,aprono il cuore e dispongono la mente a viaggiare sulle ali della fantasia.
Traggo dal sito on line: “Nata ufficialmente nel 1968, dalle precedenti di famiglia, di cui Nicola ne è stato il dirigente sin dal 1948. Prima di questa data, l'azienda era gestita dal papà Francesco Fasano, ceramista, coadiuvato dai sei figli maschi e ancor prima dal nonno Vincenzo Fasano, anch'egli ceramista. Dal 1623 si hanno notizie di una fabbrica dell'antesignano di questo marchio, tutt'oggi leader nel territorio pugliese nella produzione delle ceramiche tradizionali tipiche, stoviglierie, mattonelle, maioliche artistiche, terrecotte e faenze ornamentali. In quel periodo, il feudo di Grottaglie appartenne a Gregorio Castelli di Genova (in precedenza era stato degli eredi di Isabella d'Aragona ), al seguito del quale si trasferirono alcuni ceramisti della Liguria, pregni della cultura artistica del nord Europa, fra cui l'abile maestro Francesco Nicola Fasano che diede origine alla sua attività proprio sotto l'attuale fabbrica, in una grotta sufficientemente grande, affidatagli dal suo illustre mecenate, di cui si conserva ancora l'ubicazione. Locali che in tempi successivi sono stati utilizzati come deposito di carbonella, ossia di residui della cottura dei forni a legna. Tutte le tipologie di forme essenziali di piatti, ciotole, brocche e tutto ciò che per un uso domestico si faceva allora è stato tramandato da generazione in generazione, fino a trovare validità tutt'oggi sui mercati nazionali e specialmente su quelli internazionali. Fra i più documentai antenati, spiccano Cosimo e Michele Fasano che operano nella metà del 1.800 e di cui alcuni collezionisti privati e musei pubblici conservano oggettistica decorata, datata e firmata, da cui si possono notare i caratteri di sobrietà e nitidezza espressiva delle decorazioni, eleganza straordinaria delle forme e l'alto livello tecnico artistico raggiunto da questi maestri”.
L' Azienda, attualmente, e’   FASANO CERAMICHE srl, con filiali a Grottaglie (Via Caravaggio 45, Via Crispi  6) ed a Roma  (Via dei banchi vecchi 141) ed esse  sono  il fiore all'occhiello di questa ditta che, oltre a curare lo sviluppo della produzione, rigorosamente fatta a mano, utilizza le tecnologie per alleviare la fatica dell'uomo, e presta moltissima attenzione allo sviluppo commerciale. Recenti sono le esposizioni permanenti a Berlino e a New York. La fiera di Milano (Macef) e la Frankfurt Messe (Ambiente e Tendence), manifestazioni nelle quali si espone dal 1968, continuano ad essere occasioni di incontro con i clienti internazionali, ai quali si presentano le novità che la "Fasano Nicola s.r.l.", realizza, adeguandosi alle notevoli esigenze di mercato. Attualmente 40 addetti, fra produzione e commercializzazione, sono impiegati dalla ditta: tornianti, modellatori, smaltatori, decoratori, fornaciari. Tutte maestranze sceltissime, molte delle quali provenienti dall'Istituto Statale d'Arte di Grottaglie , più volte premiati e riconosciuti come i migliori al mondo per eleganza esecutiva e custodi di una tradizione che si rifà agli archetipi decorativi antichi, i cui originali sono conservati ed esposti sia nel Museo della Ceramica, nel Castello Episcopio di Grottaglie, che denomina il quartiere delle ceramiche.  Tutte le tipologie di forme di vasi, piatti, ciotole, brocche e tutto ciò che, per uso domestico, si facevano allora è stato tramandato da generazione in generazione fino a trovare validità tutt’oggi sui mercati nazionali e specialmente su quelli internazionali. Molte opere realizzate in questo periodo sono conservate in collezioni private ed esposte in  musei  nazionali ed esteri. Reperti delle varie tipologie che evidenziano i caratteri di sobrietà delle forme, la nitidezza espressiva delle decorazioni e la straordinaria eleganza esecutiva per l’alto livello tecnico-artistico raggiunto da questi maestri.

L'azienda attuale a nome Fasanoceramiche srl è gestita dagli eredi di Nicola Fasano a continuare una tradizione che, si spera, non avrà mai fine”. 

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.