Che ora è ?

domenica 1 febbraio 2015

Rileggendo Machiavelli…corsi e ricorsi storici…




Mi ricorda qualcuno…
Un principe deve saper bene usare la bestia e l’uomo, la volpe e il leone.

Il principe deve saper dissimulare, saper colorire, cioè trovare le giustificazioni convincenti della mancata osservanza dei patti sottoscritti.Sono affermazioni che operano una distinzione tra gli interessi politici e i principi fondamentali della morale e sembrano implicare la riduzione della morale alla politica. Ai fini politici non c’è bisogno che il principe sia pietoso, umano, religioso, sincero, leale, fedele: l’importante è che sembri essere tale e che sembri essere attento osservante della religione.In politica l’essere non corrisponde al sembrare: noi non sembriamo quello che siamo.
Due sono le sfere nel cui ambito deve essere valutata l’azione: quella privata e quella pubblica, sociale, politica, nella quale l’azione ha una risonanza più ampia. Mentre nell’ambito della sfera del privato sussiste l’uguaglianza tra l’essere e il sembrare, nella sfera pubblica tale corrispondenza viene meno: accade che azioni che hanno come fine il bene dei consociati sembrano per questi ultimi perseguire fini opposti.

Per questo il principe deve sembrare umano, fedele, religioso, nel senso che deve comportarsi in modo tale da ingenerare in chi considera i suoi atti il convincimento che questi ultimi sono ispirati a quei valori. La società politica non può esistere senza che questi valori vengano affermati e quindi riconosciuti.Nella scoperta dell’uomo rinascimentale, come individualità assoluta e di per sè tendente all’ideale, si erge questa profonda antinomia tra l’essere e il dover essere che nel caso di Machiavelli si risolve solo nella verità effettuale, il nocciolo duro che attirerà tutta l’esecrazione da parte degli ipocriti, dei servi imbelli e degli adulatori dei potenti ma che, da questo momento in poi, non potrà più non essere presa in considerazione e adeguatamente valutata.
Molti critici, infatti, inventeranno la massima "il fine giustifica i mezzi" invece di mettere in evidenza la realtà di un principe che molto spesso è necessitato a compiere determinate azioni col fine di salvaguardare non solo se stessi ma lo Stato e la complessità di interessi di una complessità più o meno estesa di individui. Il fine non può giustificare i mezzi né sul piano morale perchè l’uso di certi mezzi è comunque condannabile (come l’uso della frode, della forza, dell’assassinio, ecc.), ne sul piano razionale, in quanto si rovescerebbe il discorso logico delle cause che generano determinati effetti in effetti che giustificano l’esistenza di determinate cause.L'origine della regola "il fine giustifica i mezzi" trae origine da quel che scrive nel cap. XVIII “Facci dunque uno principe di vincere e mantenere lo stato: e' mezzi saranno sempre iudicati onorevoli, e da ciascuno laudati”. Machiavelli non fa distinzione tra fini e mezzi, ma mette in evidenza che primo compito del Principe è il mantenimento dello Stato e i mezzi che avrà usato per questo fine saranno sempre lodati dal "vulgo", cioè dalla generalità delle persone che in questo modo vedono difesi i propri interessi e la propria tranquillità.È la causa, come il mezzo, che esiste per sè, come norma generale che viene utilizzata solo se necessitati dal momento e dalla realtà generale. Mutando le cause mutano gli effetti, così mutando i mezzi, mutano i fini e viceversa: il Principe non deve tener conto in primo luogo dei mezzi ma dei fini, all’interno dei quali i mezzi trovano la loro logica collocazione, non giustificazione

Quando parliamo, quindi, di verità effettuale, parliamo di una verità basata sulle norme che discendono dai fatti e che permettono di raggiungere i fini prefissati; i mezzi possono essere scelti tenendo necessariamente conto dei fini. Quindi, mezzi adeguati per fini voluti.
PS: Il potere si può acquistare o per virtù o per fortuna, e tanto più a lungo e con facilità lo si mantiene quanto più lo si è acquistato con difficoltà e in un arco di tempo non breve. Quando lo si acquista con fortuna, e quindi in breve tempo, occorre che il Principe agisca con virtù e apporti quei cambiamenti nell’organizzazione del principato che più gli possono tornare utili nel mantenerlo, e primi fra tutti l’eliminazione di coloro che potrebbero avversarlo (per riconquistare il potere perduto) e il favorire l’ascesa di un gruppo di persone favorevoli e fedeli. La fortuna, come elemento modificatore assoluto, si realizza all’interno dell’occasione, la condizione generale in cui versa una nazione, nella quale esistono le condizioni per un cambiamento radicale del potere, dalle quali sono partiti i fondatori di Stati: la condizione generale di schiavitù del popolo israelita in Egitto era l’occasione sfruttata da Mosè, ispirato e guidato da Jahvè, per portare il suo popolo alla liberazione dalla schiavitù; l’occasione di Ciro è stata quella di trovare i Persiani malcontenti del dominio dei Medi e i Medi stessi molli ed effeminati per la lunga pac


Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.