Che ora è ?

sabato 22 dicembre 2012

Natale con la poesia di Jacques Prévert




di Filomena Russo

La poesia di Prévert ha milioni di ammiratori nel mondo sia tra i giovanissimi che tra i meno giovani. Le sue opere sono state tradotte in molte lingue. Prévert nasce nel 1900, partecipa al movimento più spettacolare dell’inizio del 900 “Le Surréalisme” forgiando il suo stile futuro a questa scuola, scrive dei poemi che pubblica sui giornali e sulle riviste e si dedica verso il 1930 al teatro, al cinema, alla canzone; interpretate da Yves Montand (Les feuilles mortes) e da Juliette Gréco.

Nel 1946 pubblica la sua prima raccolta di poemi “Paroles” ed è subito un grande successo.
La sua poesia buffa e ribelle canta la libertà, esprime la sua simpatia per il popolo, la natura, i deboli, così come il suo disprezzo per le convenzioni, l’ipocrisia, la guerra, l’ingiustizia.
Prévert, è anche il poeta dell’amore che canta in versi sinceri e toccanti. Prévert rifiuta il lirismo tradizionale, e sono la fantasia verbale e la fantasia linguistica che gli permettono di infrangere le barriere fra la prosa e la poesia. Egli coniuga con ironia il linguaggio forbito con delle espressioni popolari.
Prévert ha largamente contribuito a desacralizzare il discorso poetico, aumentando l’interesse del grande pubblico per la poesia. Per i più giovani da “Paroles”: “Pour toi mon amour”, “Le cancre” (trad. l’alunno svogliato), Familiale “Cet amour” Déjeuner du matin” “Barbara” da “Spectacles” “Les enfants qui s’aiment” “Les feuilles mortes”.
Per Natale Poème
Et pourtant c’est Noël (Pertanto è Natale)
Noël qu’il faut fêter Natale (che si deve festeggiare)
Fêtons fêtons Noël (Festeggiamo festeggiamo Natale)
Ça se fait chaque année ( Questo si fa ogni anno)
Ohé la vie est belle Ohè (la vita è bella)
Ohé Joyeux Noel Ohé (felice Natale)

Mais v’là la neige qui tombe (Ma ecco la neve che cade)
Qui tombe de tout en haut (Che cade dall’alto)
Elle va se faire mal (Sta per farsi male)
En tombant de si haut ( Cadendo da così alto - da quell’altezza)
Ohé ohé ohé Ohé ohé ohé

Jacques Prévert (1900 – 1977) nasce a Neuilly-sur Seine da una famiglia modesta; è uno dei poeti del 900 più amato e meglio conosciuto, non solo gli scolari fanno molto presto la sua conoscenza, ma non lo abbandonano più. 

Questa è una poesia adatta ai giovanissimi ma che tutti possiamo apprezzare per la semplicità con cui i suoi versi augurano Buon Natale anche in momenti di crisi economica come quello che stiamo subendo e che in qualche modo ci riporta al Natale di alcuni decenni fa’.
Com’era bello il Natale di un tempo meno ricco, meno opulento, meno vistoso, meno luccicante, senza sfavillio di luci e babbi natale che si arrampicano dalle finestre, ma forse, molto più vero, più sentito.
Per le strade si spandevano i buoni odori delle cucine delle mamme che per i giorni di vigilia preparavano i dolci tradizionali, friggevano le “pettole”, quegli odori di fritto e miele si spargevano per le vie e i bimbi felici confrontavano i loro doni fatti di frutta, soprattutto arance e mandarini e di qualche timido giocattolo.
Per i maschietti un soldatino di latta o di legno e per le bambine una bambola di pezza che spesso o quasi sempre non era comprata in un lussuoso negozio, ma realizzata dalle laboriose mani di una mamma sempre pronta e attenta a soddisfare i semplici desideri dei suoi piccoli.
Dov’è finito quel Natale in cui tutte le famiglie si riunivano, quel modo di sentire quell’atmosfera ovattata delle feste fatta di semplicità e mistero che riempiva i cuori di gioia di vivere, di bontà e di vera disponibilità verso gli altri. E’ proprio vero, l’opulenza che non è vera ricchezza, ma solo tracotante abbondanza di beni materiali, che sovraccaricando il ventre offusca la mente ed il cuore, ha tolto la “poesia” a quella che da sempre è considerata la “festa” per eccellenza “IL NATALE”:
Joyeux Noël et Bonne Année à tout le monde

1 commento:

  1. Pourtant non significa pertanto... significa "e comunque", "nonostante tutto"...

    RispondiElimina

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.