Che ora è ?

giovedì 27 dicembre 2012

Segni, segnali e comunicazioni non verbali

Il 25 dicembre, come consuetudine consolidata in casa mia abbia seguito la cerimonia della benedizione Urbi et orbi in diretta tv.
  Nelle bellisssime e toccanti parole del Pontefice vi è la ricerca della pace in Siria "profondamente ferita e divisa da un conflitto che non risparmia neanche gli inermi e miete vittime" e mentre il Papa parlava il mio pensiero è volato a gli altri Papi che lo hanno preceduto e un ricordo è riaffiorato violentemente dalla mia memoria. Il volto del papa Buono: Giovanni XXIII, il papa della mia fanciullezza, il Papa che ci ha accarezzaro tutti attraverso i nostri genitori e  che il 26 Dicembre 1958 fece un atto clamoroso visitò le carceri di Regina Coeli, come ha fatto oggi anche il ministro della Giustizia Severino, ma il Papa buono mise non il suo corpo ma  il suo cuore affianco a quello dei detenuti,a delle persone che per ragioni diverse avevano infranto le regole della società civile, ma a cui non bisognava, allora come ora, mai far mancare la possibilità della redenzione, ossia il ritorno al beneficio di qualcosa che era stato perso, attraverso il pagamento di un riscatto.

Le parole che  Giovanni XXIII riviolge ai carcerati sono autentica poesia, nella  sua accezione etimologica più piena....
parole che non vengono dalla bocca ma provengo dal cuore. Ve lo ripropongo quel video che sono andato a ritrovare con la speranza, tipica virtù natalizia, che possa illuminare le nostre menti per cercare di divenire artefici e promotori di una cultura umana, in cui l'uomo è il valore supremo. Una cultura etica, solidale e del senso, cioè ispirata ad una visione dell'essere e non dell'apparire. Buona visione a tutti.



di

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.