Che ora è ?

venerdì 13 marzo 2015

Tra i candidati al Nobel per la Letteratura lo scrittore italiano Pierfranco Bruni

I suoi testi sino a “La pietra d’Oriente” tradotti in diverse lingue. Presentazione ufficiale della candidatura il 24 marzo prossimo

Tra la rosa dei Candidati al Nobel per la Letteratura il Sindacato Libero Scrittori Italiani (Fuis), Sindacato storico che ha visto protagonisti personaggi come Corrado Alvaro, Ettore Paratore, Giuseppe Prezzolini, Diego Fabbri e filosofi come Augusto Del Noce e Antimo Negri, candida lo scrittore italiano, di origini calabresi Pierfranco Bruni a quarant’anni dalla sua prima pubblicazione.
Bruni nato in Calabria, a San Lorenzo del Vallo intraprende un’attività di collaborazione con giornali, quotidiano e case editrici oltre ad essere Direttore archeologo coordinatore del Ministero dei beni e delle attività culturali.

Attento studioso di scrittori che vanno da  Pavese ad Heminway oltre che di Pirandello e D’Annunzio, la sua produzione letteraria è un intreccio tra poesia e narrativa.
Un dato rilevante di Bruni sono le traduzioni dei suoi lavori. È tra gli scrittori maggiormente tradotto nei Paesi Esteri: dall’Albania alla Tunisia, da Santo Domingo in Francia, dall’Inglese addirittura alle lingue minoritarie. Di recente i suoi libri sono stati tradotti in Romania, in Armeno e in Arabo.
Bruni nasce come poeta nel 1973 e pubblica il suo primo libro proprio nel 1975. Si è occupato di storia della letteratura del Mediterraneo ed ha scritto saggi non solo letterari.
La Candidatura pone all’attenzione tutta la sua ricca produzione poetica e narrativa oltre alla  saggistica letteraria. 
Pierfranco Bruni ha pubblicato, sono soltanto alcuni titoli in diverse edizioni, libri di poesia (tra i quali Via Carmelitani, Viaggioisola, Per non amarti più, Fuoco di lune, Canto di Requiem, Ulisse è ripartito, Ti amerò fino ad addormentarmi nel  rosso del tuo meriggio, Come un volo d’aquila), racconti e romanzi (tra i quali L’ultima notte di un magistrato, Paese del vento, Claretta e Ben, L’ultima primavera, E dopo vennero i sogni, Quando fioriscono i rovi, Il mare e la conchiglia, La bicicletta di mio padre, Passione e morte. Claretta e Ben, Asmà e Shadi, Che il dio del Sole sia con te, La pietra d’Oriente).
La sua opera è stata ed è modello per la realizzazione di Video che girano su i canali Internet. Su Pierfranco Bruni sono state realizzate diverse tesi universitarie e scritti libri e saggi critici. È spesso ospite nelle Reti Rai per parlare della sua letteratura.

La Presentazione ufficiale della Candidatura al Nobel è fissata per il prossimo 24 Marzo.

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.