Che ora è ?

giovedì 7 gennaio 2016

Forse un giorno sapremo... ma avrà importanza..?


di Pierfranco Bruni 

In una notte di gennaio di un anno che non riesco a ricordare...
In un tempo che raccoglieva la pioggia dei secoli ho udito l'eco di una voce che lenta sorseggiava le parole del vento e andava oltre i limiti dell'onda...


Ci sono sempre onde nel nostro passeggiare tra le linee delle mani...

Forse c'erano una volta l'eco e la voce... Forse altre volte ci saranno... Forse si lascereranno ascoltare... ma non basta perché l'importante è riuscire a trattenere l'eco è vivere la voce ... Ho ascoltato... 


"Posso raccontarti un insieme di parole? Puoi farne ciò che vuoi... Se nello spazio che vivi ritagli un piccolo spazio per andare oltre lo spazio che infila anni dopo anni ti racconterò... ".
Non so da dove sbucasse questa voce o l'eco... ho semplicemente risposto...
Raccontami...
Ti ascolto...
Allora?
"Ti racconterò la storia di un principe che per il troppo amore abbandonò il castello e visse nella capanna della sua amante tutte le vite possibili e poi fece un lungo viaggio alla ricerca di un granello di sabbia perduto nei mari del destino
e poi ritornò racchiudendo in una mano la terra del suo passato
e poi ripartì per trovare una foglia di cedro custodita tra i pensieri dei suoi giardini...
ancora non ha fatto ritorno... forse è in viaggio forse è nella stagione dei riposi...
forse ha smarrito la direzione del vento... forse cammina nel sogno... chissà...
ma perché domandarsi ciò... accettiamo l'attesa in questo navigare di vite di favole e di realtà di nuvole di orizzonti...
di giorni che hanno il respiro della notte e il battito dei tramonti nell'aurora che ruba la luce alla pioggia per offrire segreti e mistero...
e poi...
poi sarà altro... ma ora non è dovuto sapere...
Non chiedere... perché neppure io so dirti altro...
Un giorno sapremo... ".

Già, un giorno sapremo...
un giorno si saprà...
ma cosa dovremmo ancora raccogliere dal segreto e dal mistero...
se è segreto resterà nel tempo sempre segreto...
se sarà mistero perché insistere per capire...

C'era una volta il segreto che tentò di vestirsi di mistero...
Ci riuscì?
Forse c'era una volta il mistero che tentò di rubare al segreto lo sguardo ma tutto fu vano...
Un giorno sapremo se il principe fece ritorno nella capanna o ricomparve nel suo castello...

Forse un giorno sapremo... ma avrà ancora importanza... 

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.