Che ora è ?

sabato 1 marzo 2014

Noi, la lingua e il pc...tutto scorre...



Il concetto di lingua, quale lo intendevamo solo due - tre decenni addietro, appare superato. Una lingua deve oggi accogliere necessariamente parole da altre lingue, e non solo dall'inglese. «Il sacrificio della patria nostra è consumato: tutto è perduto; e la vita, seppure ne verrà concessa, non ci resterà che per piangere le nostre sciagure e la nostra infamia». Così, 200 anni fa, un giovane giacobino arruolato a Bologna nell'esercito francese, Ugo Foscolo, scriveva le prime battute del suo “Ultime lettere di Jacopo Ortis». Chi oggi, altrettanto giovane, lo capirebbe? La retorica domanda viene quasi spontanea alla presentazione del nuovo Vocabolario Treccani 5 volumi, un CD-ROM, un vocabolario trasportabile detto “Il Conciso” e un gioco di società sulla lingua italiana che dedica grande attenzione ai nuovi linguaggi giovanili.
Se è vero, come scriveva il grande pensatore spagnolo Miguel de Unamuno, che «le lingue, come le religioni, vivono di eresie» e se non è vero quanto affermava il poeta statunitense Emerson che la «lingua è poesia fossile», l'analisi dei “linguaggi selvaggi” giovanili è un passo necessario per l'interpretazione della realtà contemporanea. Con un rischio. Che i termini del linguaggio giovanile registrati da vocabolari ed enciclopedie siano già vecchi quando vengono pubblicati. E che la lettura di questi nuovi termini appaia tale solo a chi, come chi scrive, ha purtroppo già scavalcato la dura soglia della metà del secolo di vita: nuovi perché erano tali nell'età della sua giovinezza, ma vecchi e persino dimenticati o incomprensibili per i giovani veri, quelli attuali. Ciò che vi è stato di divertente e di curioso nella proposta della Treccani è che la presentazione della nuova impegnativa opera dell'Istituto si è concretizzata in un seminario di studio nella discoteca romana «Alpheus». Un seminario fuori dalle regole e al di fuori dei canoni, chiuso dall'intervento musicale dei «Subsonica», il gruppo torinese reduce dai successi del Festival di Sanremo. «In principio era il Verbo», sottolinea biblicamente la Treccani, spiegando il senso del suo lavoro e di questa audace presentazione. «Poi –aggiunge- il linguaggio si è frastagliato in forme numerosissime e differenziate tra di loro: dalla musica ai tatuaggi e al piercing, dai fumetti ai graffiti: la ricerca di nuovi canali di comunicazione è, nei giovani, illimitata e continua». Max Casacci e Luca Ragagnini dei «Subsonica», davanti ad un pubblico di giovani, hanno parlato del loro «metabolismo del linguaggio sonoro» cioè dell'importanza che assegnano al miscuglio di suoni e parole: «Ci diverte molto questo abbinamento tra noi e un istituto di grande cultura». Nel Vocabolario sono entrati termini più o meno nuovi, tipici del linguaggio giovanile: da chiodo(il giubbotto di pelle nera con finiture metalliche) a paninaro(termine in uso negli Anni '80 e relativo a giovani provocatoriamente alla moda) a tamarro(persona dai modi rozzi, volgari, villani'). Per poi salire all'indietro nel tempo ai film Anni '50 con il termine piotta(un tempo la banconota da 100 lire, ora quella da 100mila) o con quello testone, un milione di lire. Nel campo degli stupefacenti sono stati accettati termini come fatto(chi è sotto l'effetto di qualche droga), sballo(stato di 31 allucinazioni provocato dall'assunzione di stupefacenti), pera(iniezione di eroina), oggi rincorsi dai più recenti fattone, calatino e rimastinoE l'odierno” me la viaggio” non ha riferimento né con le droghe, né col turismo, ma vale per “mi va proprio bene”. Il punto centrale dei linguaggi giovanili, sottolineano all'Istituto Treccani, è in fondo proprio questo: non si fa in tempo ad accogliere espressioni partorite dalla fantasia giovanile che già si veleggia verso nuovi orizzonti:cosa dire di un non mi asciugareche vuole esprimere la noia di fronte alle troppe chiacchiere di un amico?
Anche sulla valutazione della bellezza femminile il Treccani segnala nuovi e meno recenti vocaboli, tra i quali spiccano squinzia(civetta pretenziosa) e appizzata, cioè che veste con abiti aderenti"DIKY? WAYF? A/S/L15/M/NY". Mai visto niente di simile? Eppure non è un dialogo fra marziani. Sono 2 ragazzi americani che chiacchierano online, usando sigle e abbreviazioni che ormai sono di uso comune nel linguaggio della posta elettronica, soprattutto fra coloro che usano un “Instant Messenger” (IM), cioè un programma che consente di dialogare in tempo reale con un gruppo di persone e che ha anche dato il nome a questa attività, chiamata IMing(IMare). Secondo America Online, il sistema mette in circolazione ogni giorno almeno 700 milioni di messaggi istantanei, inviati da 75 milioni di persone, di cui la maggioranza ragazzi. L'Instant Messenger consente di compilare una lista di corrispondenti, costruendo una sorta di network privato accessibile in ogni momento. Non è sorprendente, dunque, che questo esercito di “Imatori” si sia inventato un linguaggio proprio, con termini indecifrabili alla gente comune, regole e un galateo. L'obiettivo principale è esprimere il contenuto con il minimo dello sforzo, martellare sulla tastiera idee brevi ma sostanziose senza badare alle forme. Cadono perciò le maiuscole, tranne quando si vuole esprimere un'emozione forte, quasi tutta la punteggiatura e l'ortografia, e gran parte delle parole più comuni, condensate in sigle. Il dialogo portato come esempio all'inizio significa dunque in sostanza: Ti conosco già? Da dove vieni? Età/sesso/provenienza.' 15 anni/maschio/New York'. Domanda e risposta contengono solo degli acronimi e la classica domanda che i partecipanti alle chatroom' o a qualsiasi dialogo online si rivolgono a vicenda per sapere con chi stanno parlando. Sigle e abbreviazioni servono a dialogare più in fretta ma anche a eliminare potenziali intrusioni da parte di adulti, soprattutto i genitori (spesso definiti POS, genitore dietro le palle) e accusati di "SOHF", cioè mancanza di senso dell'umorismo. Altri acronimi comunemente usati sono "IMHO" (secondo la mia modesta opinione), "BRB" (torno subito), "ROTFL" (mi sto rotolando sul pavimento dal ridere), "MYOB" (fatti gli affari tuoi), "YOOC" (sei fuori di testa), "UGTBK" (stai scherzando?). Infine, per chi vuole usare il nuovo linguaggio, occhio al galateo: chi s'inserisce in una conversazione, deve premettere un "PMFJI" (scusate se m'intrometto) e poi dichiarare età, sesso e luogo di provenienza. 
Amen…la pace sia con noi!

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.