Che ora è ?

giovedì 30 giugno 2016

Madre Teresa Quaranta , religiosa illustre di Grottaglie:la conoscete?

Si chiamava Addolorata Quaranta e nasceva a Grottaglie il 10 marzo 1884 da Michele e Maddalena Carrieri. La sua casa natale si trova in via De Laurentis, nel pieno del centrostorico. Fin dalla fanciullezza, è presa da grande venerazione per il Santo Gesuita grottagliese . Padre Gennaro Maria Bracale S.J. conosciuto nel 1902, e padre Alfonso Liguori la sostengono e la incoraggiano nella fede. Fondamentale fu l'incontro con Don Eustachio Montemurro, futuro fondatore dell'Ordine delle Missionarie del SacrovCostato.
Il 25 agosto 1909 Maria Addolorata, assunse il nome di Teresa. È la prima ad indossare l'abito nella prima cerimonia di vestizione delle Figlie del Sacro Costato, il 29 aprile 1910 a Minervino Murge. Ella diviene la superiora della prima comunità.
In "Tornate a Cristo"(Anno IX, N.3, marzo 1954) viene data la notizia della costruzione della scuola materna in zona Campitelli: "Oggi col nome di suor Maria Teresa Quaranta, è qui tra noi…È tornata nella sua città natale, trasformata tutta, abbellita, progredita. È tornata…e vede il piccolo granello di senapa divenuto grande albero".
Il foglio notiziario del Santuario di Grottaglie il"Tornate a Cristo"(Anno XI, n.11, novembre 1956) dedica la copertina a Madre Teresa, ritratta con il papa PioXII. Il 9 giugno del 1956 viene dato alle stampe un opuscolo, scritto da Madre Teresa in occasione del "Decretum Laudis " accordato dalla Santa Sede. Il suo titolo è "Un granello di senapa". La sede generalizia dell’ordine è a Castel Gandolfo, quella provinciale è a Gravina di Puglia. Madre Teresa,. divenuta Superiora Generale, si spense il 7 gennaio1968, alle ore 7,40. Si conservano suoi scritti, testimonianze di singolare spiritualità. Alla morte sul "Tornate aCristo" (Anno XXIII, n.1, gennaio-febbraio 1968) padre Vincenzo Campagna scrive un articolo sulla figura della"grande gloria di Grottaglie""
“La triste notizia, ha profondamente addolorato non solo la sua città natale e quanti hanno conosciuto la nostra illustre concittadina, ma principalmente le suore del Sacro Costato, le quali nelle ultime ore di agonia, le sono state spiritualmente tutte vicine e moltissim eanche di persona.Personalmente devo confessare di aver avuto sempre una grande venerazione per questa suora, appunto per la sua fortezza d’animo e lo spirito soprannaturale, che traspirava dai suoi pensieri e dalle sue opere”.
La sera del trigesimo, il 7 febbraio 1968, fu celebrata una Santa messa di suffragio nel Santuario di San Francesco, da sua Eccellenza Mons. Motolese, arcivescovo di Taranto e dal superiore dei gesuiti Padre Salvatore Manzo.

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.