Che ora è ?

martedì 28 luglio 2015

Pillole di storia: Franco Di Palma, un Sindaco illuminato

Foto dell'avv. Franco DI PALMA da Grottagliesità blog
di Michele Mirelli - avvocato

L' avv. Franco Di Palma, Sindaco di Grottaglie dal 26.6.1951 al 9.6.1956 subentra con un disavanzo amministrativo dell'anno precedente (1950) da ripianare, nonostante ciò realizza:
l'ampliamento della rete fognate  ed idrica di via Ennio, via Volta e via Galileo,la strada di collegamento tra Piazza Regina Margherita e via Rossano,
la pavimentazione di via San Francesco De Geronimo, via Arciprete Maranò, via Castello, via Risorgimento, via Di Palma, via Chiesa Matrice e via Carducci,migliora il rione Marconi e le vie Garibaldi, via Bari, via Lazio, via Colombo, via Vittorio Emanuele III, via Caracciolo, via XX settembre, via Cecere, via San Francesco D'Assisi, via Volta, via Virgilio, viale Matteotti, strada Casabianca, Belvedere, Riggio, vicinale Cristo della Imburlacchia, strada vicinale San Matteo.
Richiese la realizzazione di un padiglione per 40 posti letto, con  l'ottenimento, al contrario di un poliambulatorio (in sintesi ebbe a  precedere  il Senatore Pignatelli, che poi realizzò  l'Ospedale san Marco.
Ebbe a costruire la "CASA DELLA MADRE E DEL BAMBINO".
Restituì all'Ordine dei Minimi il Convento dei Paolotti dopo 150 anni di estromissione.
Quali interventi nel sociale, è certamente  encomiabile ricordare che per una grave brinata del 21 aprile 1955 fece intervenire il Consiglio comunale per un sostegno finanziario agli agricoltori, così come ebbe a devolvere alla Camera del Lavoro, per la festa del 1° maggio 1955 la somma di lire 500.000.
In Consiglio Comunale sono da ricordarsi tali anticipatorie dichiarazioni che dimostrano la capacità di essere anche un precursore : " È ben noto che anticamente nel nostro Comune vi era un Ginnasio-Liceo. Strano a dirsi con l'aumento della popolazione e l'accresciuta importanza del paese tale istituzione scolastica fu abolita" così come ebbe ad affermare "La buona Amministrazione suggerisce di saldare prima i vecchi debiti e poi di contrarne altri"
Il Senatore Gaspare Pignatelli di su di lui affermò: "Il mandato dell'avv. Francesco di Palma fu svolto dignitosamente, coronato da modestia e semplicità, come si conviene a persone che hanno meritato di essere Sindaco dalla Patria.
 Il grosso volume di lavori in essere e le diverse iniziative allo studio sul tavolo del Sindaco Di Palma lasciano intendere in modo inequivocabile la sua laboriosità".
L'avv. Angelo Fago (illuminato anch'egli), molte volte e comunque, in interventi nel sociale votò all' unanimità, con il  suo stesso Partito, con il Sindaco avv. Francesco Di Palma.
In sintesi se nella toponomastica del Comune di Grottaglie compare Piazza avv. Fago e via Gaspare Pignatelli, per quale motivo non dovrebbe intitolarsi una via ad un così illustre Amministratore ?
A cura dell' avv. Michele Mirelli, già Praticante Procuratore dello Studio Legale dell' avv. Francesco Di Palma, maestro di vita e di pratica forense.

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.