Che ora è ?

domenica 19 luglio 2015

Pierfranco Bruni Poeta dell’Anno per il 2014 - 2015

Importante riconoscimento a Pierfranco Bruni,  dal Sindacato Libero Scrittori, in qualità di poeta e scrittore che è riuscito a trasmettere, attraverso la parola e il linguaggio poetico, modelli di vita i cui valori sono completamente incentrati sulla robustezza dell’amore.

Infatti è stato definito, per il 2014, come Poeta dell’Anno e, pur avendo scritto anche romanzi, ha inserito all’interno dei testi modelli poetici che,  rispecchiando la tradizione lirica del Novecento, ha innovato il linguaggio nelle forme sintattiche e nelle spaziature delle immagini.


 Un poeta che conferma, a distanza di quarant’anni dalla sua prima pubblicazione, uno stile elegante, un’estetica del sublime, un mosaico di temi che sanno legare le culture occidentali con quelle orientali.

Infatti il suo primo libro risale al 1975 ed è un libro di poesie dal titolo: “Ritagli di tempo”, mentre gli ultimi testi completamenti poetici sono “Come un volo d’aquila” e “Asmà e Shadi”, un cantico dell’amore profetico.


Poeta dell’Anno per i libri di poesia, ma anche per la poesia che è espressa nel suo vocabolario narrativo.
Un riconoscimento che il Sindacato Libero Scrittori ha voluto attribuire proprio in occasione della  candidatura al Nobel per la letteratura.



Pierfranco Bruni. Da Cuba a Santo Domingo, da Ankara a Strasburgo, tradotto in diverse Paesi come l’Albania, la Francia, la Spagna, la Turchia, la Tunisia, la Macedonia, la Grecia, la Romania, il Kosovo, Pierfranco Bruni ha pubblicato libri di poesia (tra i quali “Ritagli di tempo”, il suo primo libro che risale al 1975, “Via Carmelitani”, “Viaggioisola”, “Per non amarti più”, “Fuoco di lune”, “Canto di Requiem”, “Ulisse è ripartito”, “Ti amerò fino ad addormentarmi nel  rosso del tuo meriggio”, “Come un volo d’aquila”), racconti e romanzi (tra i quali “L’ultima notte di un magistrato”, “Paese del vento”, “Claretta e Ben”, “L’ultima primavera”, “E dopo vennero i sogni”, “Quando fioriscono i rovi”, “Il mare e la conchiglia”, “La bicicletta di mio padre”, “Passione e morte. Claretta e Ben”, “Asmà e Shadi”, “Che il dio del Sole sia con te”, “La pietra d’Oriente”. “L’altare della speranza. San Paolo”, questi ultimo sono del 2015).

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.