Che ora è ?

martedì 19 febbraio 2013

ED ORA AD OCCIDENTE VERSO CAMPO FREDDO: PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI GIUSEPPE LAINO

“Una cosa è parlare di morte, un’altra è morire: è quando tocca a noi che abbiamo paura. La morte non porta riguardo.” Queste riflessioni aprono, quasi come un monito, il nuovo libro di Giuseppe Laino, docente di lettere grottagliese, dal titolo “Ed ora a occidente verso Campofreddo”, edito da Scorpione Editrice. Si tratta di una corposa raccolta di racconti popolari pugliesi che affondano le radici nella memoria di un popolo, quello meridionale, per il quale i racconti, le storie, le favole risultano essere cuore pulsante della cultura e delle tradizioni. L’autore,...



 che ha già pubblicato altri lavori (A Riggio, Da una generazione all’altra, Sogno in Santa Maria Regina, A Pekopoli), presenterà la sua ultima fatica il prossimo giovedì 21 febbraio, alle ore 18, presso l’Auditorium della Banca di Credito Cooperativo di San Marzano, in via Messapia a Grottaglie.
La serata, organizzata dall’Associazione culturale Koinè “Giuseppe Battista”, dal Lions Club di Grottaglie e dal liceo Moscati, oltre alla presenza dell’autore e dell’editore, vedrà la presentazione del volume a cura della prof.ssa Daniela Annicchiarico, docente di lettere presso il liceo Moscati, i saluti di Nicola De Florio, Presidente del Lions Club di Grottaglie e di Roberto Burano, Presidente di Koinè Culturale Grottaglie e la lettura di  brani scelti, tratti dal libro, a cura di alcuni alunni del liceo Moscati; il coordinamento è affidato alla giornalista Lilli D’Amicis.

I racconti che compongono il volume si strutturano sulla scia di credenze popolari, favole, personaggi reali ed immaginari; evocano luoghi reali, probabilmente noti e cari alla memoria di chi scrive,  descrivono paesaggi inventati, case, castelli e palazzi che, sicuramente, hanno riempito di vita e di fantasia l’infanzia di molte donne e uomini del Sud. Ma la vera forza del libro, ciò che emerge dalle storie, diversissime tra loro ma, allo stesso tempo, così simili, è certamente l’incanto degli intrecci, l’affabulazione delle vicende che, nella loro semplice ed innegabile umanità, restituiscono al presente tutto il fascino di un passato che non può essere lasciato alle spalle.

6 commenti:

  1. Cosimo Lombardi19 febbraio 2013 18:19

    Il Prof. Laino, un intellettuale vero, un Insegnante che ha formato generazioni e generazioni di ragazzi, in silenzio, senza grancasse.
    Quanta differenza tra lui e qualche trombone che ama circondare il suo nome di titoli e competenze, spesso presunte.

    RispondiElimina
  2. I tromboni stanno a tutte le parti.Io conosco persone che si spacciano come avvocati avendo la sola laurea e basta,e gente che crede di essere letterata senza averne i titoli idonei e usando le grancasse dei soldi.Senza soldi,zero.
    LEI ha ragione

    RispondiElimina
  3. Cosimo Lombardi28 febbraio 2013 19:20

    Caro Anonimo, lei confonde gli iscritti all'ordine degli avvocati, i soli che hanno diritto ad avere uno studio legale e a patrocinare con i laureati in giurisprudenza che collaborano con gli avvocati.
    Chiunque si definisce o - peggio ancora - si firma come avvocato o, apre uno studio legale.
    Certamente non commette alcun reato chi si definisce letterato, chi utilizza pubbliche grancasse non a gratis, anzi, ed altri ancora...
    Cordialmente, signor anonimo e si sappia, lei è in ottima compagnia

    RispondiElimina
  4. caro signore Lombardi, la sottoscritta non ha confuso nulla, è lei che non vuole capire ciò che ho voluto dire.Lasci stare la mia compagnia, pensi alla sua di compagnia. Devo anche dirle che il suo modo discrivere è poco capibile.Ora la lascio perchè il suo scritto è poco capibile. Buona compagnia

    Un saluto alla cara mica Lilli A.M.

    RispondiElimina
  5. cosimo Lombardi5 marzo 2013 23:07

    Almeno abbiamo una cosa in comune : l'amicizia di Lilli.
    Se poi avesse anche il gusto di usare il suo nome e cognome, ne avremmo due.
    Buona compagnia a lei, signor o signora anonimo/a

    RispondiElimina
  6. signore,lei trova gusto a mettere il suo nome? Bravo.Io non lo metto sono padrone di farlo? A parte il fatto che io non voglio avere nulla in comune con lei.Non la conosco.
    Buona compagnia signore con nome e cognome
    A.M.

    RispondiElimina

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.