Che ora è ?

sabato 7 dicembre 2013

Tra l’allegria e i tuoi passi c’è sempre un sorriso

di Pierfranco Bruni
Antoni Garçia, passeggiando tra le vie di Roma, mi ha raccontato un lunga favola. Io qui faccio una sintesi. Con beneficio di aver compreso. Chi ha il sorriso nel cuore sempre comprende!
La favola continua. Perché mai dovrebbe comparire la scritta The End?
Il Cerbiatto, ovvero il Principe, una mattina di dicembre, dopo il la sua cavalcata tra i sogni e il suo dialogare tra le lumache dei suoi giardini, entra nel salotto del palazzo e trova la principessa, Onda di Vento, in ascolto dell’armonia del tempo.

Sigilla un bacio sulle sue labbra e le offre un bouquet di violette.
È dicembre, ma è come se fosse primavera.
È  così.
Quando si comincia con un sorriso e con un fiore la vita  è sempre un’alba che diventa mattino e poi sera e si porta dentro non le rughe della stanchezza, ma il canto di un tango o di una danza Sudamericana.
Cerbiatto e Onda di Vento. Non smettono di amarsi.
Semplice ma mai banale: la vita è amore e l’amore è il sorriso della bellezza.
Quando l’allegria non è lungo i tuoi passi fai in modo che i tuoi passi siano tra le carezze dell’allegria.
C’è sempre il sorriso che guiderà il tuo cammino.


(Antoni Garçia)

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.