Che ora è ?

venerdì 21 febbraio 2014

Pavese Fascista nella ricostruzione di Pierfranco Bruni


Pierfranco Bruni ricostruisce gli anni di quando Pavese scriveva a Benito Mussolini

Pavese a Mussolini: "…mai io mi ero sognato di fare della politica, di qualunque genere, e tanto meno dell'antifascismo".
“È necessario rileggere Cesare Pavese, (nato nel 1908 –  e morto nel 1950),  scrittore e poeta, con una interpretazione politica, sottolinea Pierfranco Bruni, Presidente del Centro Studi e Ricerche ‘Francesco Grisi’ e autore di numerosi saggi  dedicati allo scrittore piemontese. Uno scrittore importante che va riletto anche attraverso la sua posizione ideologica e oltre gli scemi conformisti finora proposti. Non va dimenticata la polemica innescata nel 1990 con la pubblicazione del suo ‘Taccuino segreto’ dove si evince, ancora una volta, la sua vicinanza al Fascismo. Cosa da me sottolineata in più occasioni, ma si evidenzia anche un altro aspetto che è quello di un segno irriguardoso nei suoi confronti da parte di politici comunisti e di intellettuali antifascisti”.

Pierfranco Bruni, nel rileggere e scrivere su Pavese, afferma: “Non vanno dimenticate le parole che usò Pajetta quando si pubblicarono i ‘Taccuini’. Dietro alla storia del Fascismo di Pavese si sono consumate numerosi conflitti anche di natura letteraria. È giunto il momento di fare chiarezza e di non abbandonarsi a falsi giudizi. Mi auguro che  si possa prendere in considerazione, in modo serio, anche la posizione o le posizioni politiche di uno scrittore straordinario e unico qual è Cesare Pavese”.
      Pierfranco Bruni all’opera di Pavese ha dedicato tre libri (una significativa lettura è recente: “Il viaggio omerico di Cesare Pavese” e “Pavese tra il mare, le donne e il sentimento tragico” ) e numerosi saggi e si appresta a pubblicare un nuovo lavoro dal titolo emblematico:  “L’amore e l’impossibile in Cesare e Costance”, in cui si parla della sua ultima storia d’amore tra Pavese e l’attrice americana Constance Dowling.
      C’è un dato di fondo sostengono al Centro Studi e Ricerche “Francesco Grisi ed è quello che non si può ormai disconoscere che Cesare Pavese abbia aderito al Fascismo con convinzione. Come molti intellettuali e scrittori della sua generazione.
      “A provarlo, sostiene Bruni, non sono soltanto la sua iscrizione al Pnf (nel 1933) e le pagine di diario, risalenti al periodo del Ventennio, pubblicate successivamente nel 1990, e rimaste inedite sino a quella data, ma a confermare e a definire il suo Fascismo vi sono le lettere, indirizzate agli organi di governo, scritte dal confino di Brancaleone in Calabria (1935 - 1936) dove era stato mandato per un puro errore e non per reali motivi politici oltre ad alcune pagine emblematiche de “La luna e i falò”, romanzo antiresistenza per eccellenza che anticipa di cinquant’anni le ricerche e gli studi di Giampaolo Pansa".
      Gli studi di Bruni si aprono a ventaglio su queste considerazioni già sottolineate in  testi e saggi precedenti. Bruni, tra l’altro, pone all'attenzione una questione centrale nella poetica dello scrittore delle Langhe: il sentimento della memoria. Non la storia ma la nostalgia.
      Pierfranco Bruni rilegge alcune lettere che Pavese indirizzava al Duce. 
      In una delle lettere indirizzate a Benito Mussolini Pavese annota: "…mai io mi ero sognato di fare della politica, di qualunque genere, e tanto meno dell'antifascismo; e che comunque, per quel tanto di leggerezza dimostrato nel mio reato, riconoscevo la mancanza e chinavo il capo. (…) Non mi rivolsi sinora all'Eccellenza Vostra -benché consigliatone da parenti e beneficati che ne conoscono tutta l'umanità- per una natura la ripugnanza a intralciare con piccole cose la giornata a Chi ha ben altro cui attendere…".
      Gli studi di Bruni, comunque, analizzano, a tutto tondo, la poetica di Pavese. Uno scrittore e un poeta che resta in quella letteratura della memoria e del mito, ovvero dell’indefinibile ritorno e della dissoluzione del ritorno, ben consistente nel contesto italiano del Novecento. Dopo i libri dedicati a Pascoli,  a D’Annunzio, al Futurismo Pierfranco Bruni ritorna sul suo Cesare Pavese attraverso una lettura che pone come punti di riferimento la sua visione politica e il suo amore per l’attrice americana in una contestualizzazione che tocca proprio le Lettere e le pagine del Diario.



Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.