Che ora è ?

mercoledì 13 luglio 2016

Non fermate il tempo (Per i morti di Puglia)















di Pierfranco BRUNI

È triste raccontare di vite spezzate
attorcigliate nelle lamiere di fumo
in un giorno di luglio
tra i fuochi di Puglia
e l’alba diventata luna
nel precipitare dell’orrore.

Non fermate il tempo
nel viaggiare di un unico binario
con gli ulivi nelle città di mare.


C’è il canto delle nenie
o ancora le parole delle madri
nella terra sconfitta dal dubbio
di una verità mai rivelata
C’è lo sguardo dei padri
nel rumore dei porti
che annebbia la vista
in un pianto mai consolato.

Ancora di Sud
dopo epoche di zolle
perdute nel naufragare
dei sogni.
Non so se i fantasmi
hanno taciuto il silenzio
o hanno lacerato le voci
e le grida
nel tempio della civiltà.
Eppure fummo la storia
nell’arcipelago del Regno
con il suono dei tamburi
che hanno radici di Grecia e di Oriente.

Non fermate il tempo
nel viaggiare di un unico binario
con gli ulivi nelle città di mare.

Cristo ha la Croce negli occhi
per gli uomini che camminano
lenti dentro una stella bugiarda.

Non fermate il tempo
nelle stagioni del pianto.


Pierfranco Bruni

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.