Che ora è ?

lunedì 18 luglio 2016

Palazzo Pignatelli a Grottaglie

Eccolo,con il suo accattivante balcone barocco, in una bellissima foto, anni ’80, di quel bravissimo maestro dell’immagine e della luce che e’ Nino De Vincentis.
Non mi soffermo sull'evoluzione storica di questa famiglia: ci vorrebbero diverse pagine e non e' questa l'occasione per farlo.
Poiche’ nulla e’ dovuto al caso, cerco,invece, di soddisfare la vostra curiosita’ su questo cognome., grondante di storia, di imprese  e di nobilta'.
In una grande tela raffigurante un guerriero,probabilmente un antenato, all’interno dell’edificio in questione , e’ scritto in latino(procedo a ricordo di memoria):”Quanti sono i pesci nel mare,quante le stelle nel cielo, tante sono le imprese gloriose dei Pignatelli”.
Le origini del cognome e dello stemma che contraddistinguono questa nobilissima famiglia di origine napoletana si fanno risalire a un tal Landolfo Pignatelli, vissuto nel XII secolo, il quale, combattendo in Oriente in nome di Re Ruggero II, infilzò per i manici tre vasi d'argento durante l'assedio del palazzo imperiale di Costantinopoli.Secondo altri, le origini del nome Pignatelli risalirebbero a Gisulfo, anch'egli vissuto nel XII secolo, il quale durante una battaglia navale contro i Greci, presso Negroponte, lanciò, con pentole o pignatte, materiale incendiario sui nemici. Dalla particolare forma di queste pentole, ad un solo manico e chiamate nella lingua napoletana "pignatielli", sarebbe derivato il cognome della famiglia Pignatelli.
Entrare in quel palazzo ed aggirarsi per le sue stanze e giardini, significa entrare in una dimensione nuova, respirare una salutare polvere di storia,arte ,cultura e Dio solo sa come siamo “bisognosi” di questi elementi.Ho avuto la ventura di frequentare i “ ragazzi “padroni di quella casa,Antonio e Francesco,ormai scomparsi, nella mia piena giovinezza e per motivi di amicizia e…ludici.Essa mi ha sempre attratto, con le sue mura, i suoi quadri, suppellettili,mobili ed armi che testimoniano un passato grandioso:e’ una macchina del tempo.Come si fa a rimanere insensibili al suo fascino?

Plaudo,quindi, con grande piacere alla intelligente e creativa iniziativa “Dimore da scoprire: PALAZZO PIGNATELLI 23 luglio - 24 luglio • Via Corrado Mastropaolo, 26, 74”.
I tesori del nostro paese non possono e non devono rimanere nascosti.E' un delitto verso lo spirito e la mente!
Vi invito,quindi, a partecipare a questa visita, ad immergervi in questa atmosfera fantastica: È il bisogno di capire quello che siamo stati, di cercare qualcosa che ci appartiene, e che nel momento presente, così vertiginoso e confuso, non riusciamo più a trovare.La modernità e l’emancipazione hanno forse reso gli uomini più liberi, ma non necessariamente più felici.

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.