Che ora è ?

martedì 10 gennaio 2017

“I beni etno – antropologici e la scuola” un interessante convegno organizzato da Pierfranco Bruni

Convegno Nazionale su “I beni etno – antropologici e la scuola” nella comunità etno-linguistica di San Marzano di San Giuseppe. Una manifestazione istituzionale con relazione di Pierfranco Bruni esperto del Mibact

 Affollatissima sala a San Marzano per parlare di etnie, antropologia e intercultura. La Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Brindisi Lecce e Taranto del Mibact, l’Istituto Casalini in un Convegno sulla etno – antropologia nella scuola, il Comune di San Marzano con lo Sportello linguistico per discure di beni culturali e scuola. 
L’evento nazionale si è svolto nel Salone del Centro Polifunzionale Giovanni Paolo II, via Manduria (San Marzano), ha visto protagonisti i beni etnoantropologici, la scuola e la città di San Marzano di San Giuseppe (Taranto).


Un incontro significativo e innovativo tra beni culturali e scuola. Un legame sempre più forte che caratterizza un modello innovativo di guardare al patrimonio culturale attraverso modelli di strategia conoscitiva educativa pedagogica e valorizzante. Il concetto di etno antropologia pone al centro una dimensione immateriale del bene culturale. Proprio in virtù di ciò le tradizioni di una comunità sono identità e la lingua costituisce il bene immateriale primario.
Soprattutto nelle comunità di minoranza etno linguistiche la lingua è da considerarsi il perno intorno al quale ruotano le diverse forme di appartenenza.
Il convegno di San Marzano è stato un incontro che ha messo  in movimento le istituzioni la società le famiglie e i ragazzi. La scuola e i beni culturali dialogano intorno ai temi dell'antropologia intesa come riferimento di recupero di civiltà e identità. Il Convegno è stato organizzato, in collaborazione, dal Ministero beni e attività culturali e turismo – Soprintendenza archeologia, arti e paesaggio per le province di Brindisi Lecce e Taranto (Lecce), Progetto Lingue ed Etnie del Mibact, dall’Istituto Comprensivo Casalini di San Marzano di San Giuseppe e dallo Sportello Linguistico del Comune di San Marzano.


L’intervento introduttivo è stato svolto dalla Dirigente scolastica Maria Teresa Alfonso mentre i saluti sono stati portati dal sindaco Giuseppe Tarantino. La relazione sul tema  è stata affidata a Pierfranco Bruni, Responsabile del Progetto Etnie del Mibact ed esperto internazionale del legame tra etnie e beni culturali. Bruni nella sua ampia e articolata relazione ha affermato: “Il bene culturale è nella storia di un popolo. Il patrimonio storico e identitario di una Nazione è nella sua “materialità” dei beni ma anche nella sua “immaterialità”. Il dibattito si apre a ventaglio: dalle lingue   C’è, comunque, una visione particolare tra la cultura di un popolo, ovvero i beni culturali, e le radici etniche. Beni culturali e minoranze linguistiche (etnico - storiche - antropologiche - archeologiche) è un rapporto che si manifesta attraverso elementi e modelli che vivono sul territorio. Il territorio è una espressione emblematica che è a sua volta espressione di conoscenza e di consapevolezza storica.
ai fenomeni antropologici, dalle archeologie alla musica dal vivo.
Il fattore didattico chiama in causa una questione pedadogica e storica. E nel caso delle minoranze etnico - linguistiche occorre principalmente un raccordo che invita a leggere queste comunità non solo in un contesto folcloristico e antropologico ma anche profondamente articolato su questioni di "rappresentanza" storica le cui identità sono anche dati matetiali. I beni culturali come testimonianza materiale e immateriale”.
 Il programma molto ricco  e articolato è stato ben contestualizzato dalla presenza di canti e danze della cultura Arbereshe, Marocchina, dai gruppi Folk e da Suoni del Mediterraneo.

Ciò è evidente che in un tempo in cui il Mediterraneo non è soltanto una geografia o un “modello” geopolitico l’antropologia delle etnie assume una concordanza con quelle eredità che hanno attraversato la civiltà pre Magno Greca sino a tutto il contesto Romano. È proprio nello spaccato tra le identità greche, neogreche e latine  che le etnie del Mediterraneo assumano una valenza sia politica sia prettamente antropologica sia metafisica.



Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.