Che ora è ?

domenica 27 novembre 2016

Il nostro sentito addio allo scrittore, giornalista Vittorio Sermonti: il più grande “dantista” italiano

di Stefania ROMITO

Vittorio Sermonti è stato senza dubbio un grande conoscitore di uno dei più famosi capolavori della storia della Letteratura italiana. Era il 1987 quando la RAI gli affidò la registrazione radiofonica dei 100 canti della Divina Commedia preceduti da una sua premessa critica alla quale collaborò anche il filologo Gianfranco Contini.La sua voce ci ha condotti nella Commedia come un faro nella luce della conoscenza facendoci riscoprire, tappa dopo tappa, il viaggio dantesco nell’Aldilà con estrema competenza e passione accompagnandoci negli anfratti più inquietanti e ascosi dell’inferno per poi farci risalire con prodigiosa suggestione attraverso i gironi del Purgatorio, fino a giungere alle vette più elevate della terza Cantica.
Da esperto lampadoforo,  ci ha illuminati con il suo sapere riuscendo a far appassionare migliaia di studenti e a far riavvicinare gli adulti al capolavoro dantesco. A partire dal 1995 Vittorio Sermonti avviò una serie di letture pubbliche della Commedia, sia in Italia che all’estero, all’interno di luoghi
particolarmente suggestivi. Memorabili i suoi interventi presso la Basilica di San Francesco a Ravenna,  al Cenacolo di Santa Croce a Firenze e a Santa Maria delle Grazie a Milano. L’amore per Dante Alighieri era sbocciato in lui fin dall’infanzia grazie a suo padre, noto avvocato pisano grande estimatore del sommo poeta e uomo di profonda cultura. Pare che tra i suoi frequentatori abituali ci fosse anche Luigi Pirandello. Il piccolo Vittorio crebbe, quindi, in un ambiente in cui si respiravano la legge e la cultura. Il suo destino era già segnato. A poco più di vent’anni l’incontro con la radio. Nel 1950 venne assunto come funzionario del Terzo programma radiofonico e ben presto avvertirà l’esigenza di far rivivere i classici attraverso la voce. Intellettuale estremamente professionale e a volte severo, nel 2007 criticò aspramente la modalità di divulgazione della Divina Commedia attuata da Roberto Benigni, sostenendo che "Non si possono dire spiritosaggini per adescare il pubblico". In virtù di ciò che è stato e di quello che ha rappresentato, verrebbe  spontaneo chiedersi se è già avvenuto al di là dell’arcobaleno l’incontro con il sommo poeta e quale posto nel suo universo immaginario quest’ultimo riterrebbe più opportuno assegnargli. Ma di certo possiamo immaginare quali potrebbero essere le sue parole: “Gratius ex ipso fonte bibuntur aquae” (L’acqua si beve più volentieri se la si attinge dalla sorgente)

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.