Che ora è ?

giovedì 3 settembre 2015

Papa Francesco non rappresenta la comunità dei cristiani dopo il laicismo sull'aborto

Se un Papa si è dimesso un Papa può essere dimesso 

di PIERFRANCO BRUNI

Quando un Papa si dimette e abbandona il "Trono" pietrino non ci sono motivi di salute soltanto. C'è una teologia della dissolvenza che si incastra in una visione di politica ecclesiastica che riguarda valori, significati e temi oncologici.
Ma se un Papa si dimette significa che si apre un precedente anche di natura procedurale all'interno del Vaticano e soprattutto bel mondo cattolico.
Il mondo cattolico è un mondo della differenziazione. Ovvero ci sono i cattolici, nelle diversità "professionali", i cristiani, nelle sfaccettature storiche e religiose ben articolate, gli eretici, il mondo gnostico... e così nelle varie ortodossie... 

Se un Papa (Ecco dico questo nome : Benedetto XVI, un grande Papa ) si è dimesso su questioni che toccano sfere anche ontologiche, soprattutto quando gli importanti testi sul suo Gesù fanno discutere sul filo di una squisita eresia. Non mi si venga a dire che non è così. Ma oggi il problema non è questo.
Se un Papa si è dimesso, un Papa può anche essere dimesso.
È la teologia della politica o meglio è la teologia che si fa politica. Ci sono elementi gravissimi che pongono delle riflessioni serie dull'attuale papato. La mia posizione è limpida sin dall'inizio.
Papa Francesco non ha la forza di rappresentare tutta la comunità dei cristiani. Anzi non rappresenta la comunità dei cristiani.
Dopo le recenti dichiarazioni soprattutto sull'aborto ha aperto una profonda ferita tra i cattolici articolati e i cristiani non possono tollerare queste sue posizioni.
Sta sradicando la cristianità dai Vangeli e soprattutto da San Paolo. Non è un Papa che segue il messaggio di Paolo e tanto più si sta distanziando dai Vangeli a partire da quello di Luca.
I cristiani, i cristiani cristocentrici e i viandanti delle Genti, leggono le parole dell'attuale pontefice con una tale lacerazione da invitarlo a dimettersi.
Sta sradicando la tradizione dei credenti. Si tratta di un questione delicata complessa e problematica. Ma questo Papa non rappresenta la Tradizione Cristiana. Il tradizionalismo è altra cosa. Ma le sue parole sfidano e questa è una sfida che fa precipitare il mondo cristiano se Papa Francesco continuerà ad esercitare le sue funzioni.
È inconcepibile affrontare la questione dell 'aborto con slogan laicisti. Il resto è stato già sottolineato nei miei precedenti lavori.
Il cristiano vero rifletta. Ha senso leggere Paolo durante le celebrazioni eucaristiche e poi manifestare un relativismo laicista da perdonare chi ha abortito... 

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.