Che ora è ?

mercoledì 28 novembre 2012

Roma - Convegno nazionale su Giovanni Pascoli, il 29 e 30 novembre


Pierfranco Bruni: "Pascoli è un poeta riferimento nella cultura italiana che ha saputo raccordare la letteratura della tradizione orientale con i percorsi e le dimensioni letterarie occidentali. Un convegno che vede le voci più prestigiose della ricerca letteraria contemporanea"
Roma. Due intense giornate di studi dedicate alla figura e all’opera di Giovanni Pascoli nel centenario ella morte si svolgeranno a Roma  giovedì 29 e venerdì 30 novembre prossimo nella Aula Magna del Sindacato Libero Scrittori, Palazzo Sora, Corso Vittorio Emanuele 217. Un Convegno che vede protagonisti i nomi più prestigiosi e autorevoli che si sono dedicati alla letteratura italiana dell’Otto – Novecento con particolari riferimenti a Giovanni Pascoli.


Da studiosi provenienti dal mondo accademico a scrittori e critici militanti. Le voci presenti alle due giornate hanno tutti all’attivo pubblicazioni e studi scientificamente rigorosi e presenze autorevoli nella cultura italiana contemporanea. I temi che verranno proposti sono abbastanza articolati e toccheranno gli aspetti originali e innovativi sia dal punto di vista linguistico che poetico.
“Pascoli, ha sottolineato Pierfranco Bruni, Vice presidente nazionale del Sindacato Libero Scrittori, durante la conferenza stampa di presentazione, è un punto di riferimento, ma ormai la lettura ‘scolastica” e ‘didattica’ è completamente superata da nuovi studi e interpretazioni che pongono all’attenzione un poeta che ha saputo anticipare linguisticamente e sul piano dei processi poetici i risvolti culturali e letterari del Novecento attraversato dalla lezione  spirituale e laica orientale ed occidentale oltre che dai moduli sintattici che sono presenti in tutto il Novecento. Ecco perché l’articolazione agile e complessa, nello stesso tempo, di questo denso e ricco convegno è un segno forte che si vuole dare nella lettura certamente di Pascoli a cento anni dalla morte ma di una letteratura che va chiaramente riletta”.
I lavori saranno aperti da esperti come Nino Borsellino, Giuseppe Nava, Federica Alziati e Pierfranco Bruni con delle prolusioni attinenti la poetica di Pascoli e i rapporti con il Novecento. Seguiranno le relazioni di Ettore Canepa, Noemi Paolini Giachery, Emerico Giachery che si alterneranno tra linguistica e processi culturali. La seconda giornata vedrà protagonisti Gennaro Bavarese, Giuseppe Sicari, Marilena Cavallo, Emilio Giordano che affronteranno questioni relative al poeta Pascoli e alla sua presenza nelle scuole di oggi. Saranno conclusi, i lavori, dalle relazioni di Annamaria Andreoli, Valentino Cecchetti, Mario Di Napoli in una discussione tra letteratura e storia. Il convegno sarà concluso con l’intervento di Francesco Mercadante.
Le sedute saranno moderate  da Francesco Canfora, Giuseppe Acocella, Josè Luis Gotar, Angela Benitende.
Nel corso dei lavori del Convegno verrà presentato e distribuito la nuova ed elegante edizione dello studio di Marilena Cavallo e Pierfranco Bruni: “Nel mare di Calipso. La dissolvenza omerica e l’alchimia mediterranea in Giovanni Pascoli” (Pellegrini). Saggio che continua a riscuotere consensi critici e successo di pubblico per la chiave di lettura nella originalità di una interpretazione innovante di un Pascoli tra tradizione e modernità.

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.