Che ora è ?

sabato 24 novembre 2012

IL PROF. UMBERTO GALIMBERTI CONQUISTA TARANTO

IL SUO NUOVO LIBRO, IN ANTEPRIMA NAZIONALE NELLA CITTA’ IONICA, HA CONCLUSO LA RASSEGNA “PERCORSI D’AUTORE” DELLA BCC SAN MARZANO DI SAN GIUSEPPE

Il filosofo Umberto Galimberti conquista Taranto. Oltre 350 persone, stipate nell’Aula Magna della Facoltà di Giurisprudenza del capoluogo ionico hanno preso parte all’evento conclusivo della Rassegna “Percorsi d’Autore”, promossa dalla BCC San Marzano di San Giuseppe che nel corso dell’edizione 2012 ha ospitato autori giovani, esordienti, affermati.
Un mix poliedrico che è stato suggellato da quest’ultimo evento, con il Prof. Galimberti che ha presentato in anteprima nazionale il suo nuovo libro “Cristianesimo – La religione del cielo vuoto” (Feltrinelli 2012). Introdotto dal Direttore Generale della BCC San Marzano di San Giuseppe, Emanuele di Palma, e dal Preside della Facoltà di Giurisprudenza, Antonio Uricchio, il Prof. Galimberti ha animato la serata offrendo la sua visione del Cristianesimo, riconoscendogli il merito di aver dato vita e forma all'Occidente, ma che - a questo Occidente - a causa di un’eccessiva arretratezza e per la sua incapacità di comunicare, ha anche strappato il cuore autenticamente religioso. Partendo dal concetto di follia, insito nell’essere umano sin dalla sua origine, ha esplicato come sempre più, seppur in maniera velata e involontaria, si accenda un fortissimo desiderio di protezione e rassicurazioni.
Perchè il “cielo” del Cristianesimo è vuoto? Per Galimberti questo dipende «dalla circostanza che il Cristianesimo ha eliminato dal concetto di Dio la pienezza della vita. La vita è bene più male, giustizia più ingiustizia,  mentre il Dio cristiano (a differenza di quello ebraico e islamico) è solo bene e solo giustizia, incapace per questo di rispecchiare la totalità della vita. Liberando Dio dalla responsabilità del male il Cristianesimo è rimasto privo della dimensione del sacro che non conosce la distinzione tra il bene ed il male ma possiede una ambiguità che però rispecchia l'ambiguità della vita. Il Cristianesimo, ridotto ad etica, non riesce quindi a riempire il cielo della storia che quindi, per l'Occidente, è vuoto. L'Occidente di cristiano, però, non ha solo le radici ma il tronco, i rami, le foglie, i frutti tutto è cristiano in Occidente. Tutta la cultura anche quella apparentemente più lontana (persino Marx!) è pervasa dal Cristianesimo perché si basa sul legame passato-presente-futuro, dove il passato è negativo da superare, il presente è azione per realizzare il futuro che è migliore. Questo ottimismo del progresso continuo trova in sé la sua forza ma anche il suo limite quando l'orizzonte del futuro non pare più limpido e forse non sarà migliore (e questo lo sanno bene i nostri giovani)». Galimberti non pare però giudicare negativamente il messaggio cristiano quando divide la Chiesa in Chiesa dell'Amore e Chiesa del Potere e  malinconicamente afferma che «i rappresentanti della Chiesa dell'Amore (don Ciotti, il cardinale Martini) non diventeranno mai Papa». 
Un incontro che solleticato la riflessione e stimolato, in chiusura, una serie di domande e interventi, al quale il Prof. Galimberti non si è sottratto, cercando di fornire un ulteriore e apprezzato contributo all’evento.



1 commento:

  1. Il relativismo di Umberto Galimberti
    da “Cristianesimo”, p. 142:
    “[…] per la stessa ragione Endos interroga Davide con queste parole: Perché vuoi mettere un cappio intorno alla mia nefeš così da farmi morire? (1 Samuele, 28, 9).
    Il filosofo di nome Galimberti “si impanca con arroganza” e predica che per affrontare “disagi”, “problemi” ecc., che vive il nostro tempo, “la cultura è la chiave di svolta”.
    Ora, scrivendo “Endos interroga Davide”, il Galimberti non solo dà segno d’incultura, perché è un’asineria, ma è chiaro altresì che lui non ha mai letto il cap. 28 di 1 Samuele, altrimenti si sarebbe forse accorto che la negromante di Endor, nome di luogo geografico, e non “Endos” nome proprio, non ha mai detto queste parole a Davide, bensì a Saul, che in quel frangente era pure travestito e perciò irriconoscibile.
    La stessa asineria è già presente in Psichiatria e fenomenologia, uscito nel 1979, alla p. 87, e tutto il cap. 2. La religione biblica e la maledizione della carne, della Parte prima, è fabbricato con plagi a H. W. Wolff, G. Barbaglio, A. Marranzini, O. Cullmann, ecc., documentato con il saggio Ezio Mauro e l’asinus in cathedra nel sito del sottoscritto, alla sezione “il paese dei ciarlosofi”.
    La stessa asineria è pure presente in Orme del sacro, alle pp. 97-98, ecc.
    Solo a fronte di questi piccoli esempi, il “relativismo culturale” di Galimberti non è l’“anticamera del nichilismo”, bensì un tragicomico nonché pernicioso nichilismo …
    Vincenzo Altieri

    RispondiElimina

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.