Che ora è ?

giovedì 23 maggio 2013

Meditate gente, meditate


di Vincenzo Russo
Il sole si mostra in tutto il suo fulgore e questo fa sì che la spiaggia sia affollata come un ipermercato nel pieno dei saldi. La gente, stordita dal caldo e dalla confusione. Tra gli ombrelloni si aggira un bimbo non proprio pulito, che chiede, in maniera quasi vergognosa, qualcosa. Il passaggio del bimbo determina  tra i bagnanti fastidio, insofferenza e in alcuni casi , persino repulsione. Poi , i soliti commenti verso lo straniero, e chi si mostra diverso.
Pochi minuti sono sufficienti e tutto viene, per fortuna, dimenticato. Ad un tratto c’è un’apparizione, un vero purosangue bastardo di cane. Apparizione, che stimola la curiosità di molti. Qualcuno incomincia a disquisire sugli eventuali incroci, che hanno determinato la razza del cane. Altri gli si avvicinano, chi con un po’ d’acqua, chi persino con una brioche. Nella confusione, si sente pronunciare più volte l’espressione “  che Amore”! “che Amore” !
Quello che qui ho raccontato  é  realmente accaduto la scorsa estate su una spiaggia di Pulsano, e mi ha fatto pensare molto.

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.