Che ora è ?

giovedì 30 maggio 2013

Quel guerriero che difese la pace: Cassius Clay.



Lo hanno chiamato "fastblack" per la sua velocità e il colore della pelle. Ora tutto è diverso e nessuna terapia risulta efficace. Il morbo di Parkinson è l'ultimo avversario, il piu’ temibileanche per  Cassius Clay. "I cazzotti ti fanno vibrare il cervello come un diapason" ha scritto il grande pugile nella sua biografia. Ma le sue mani tremano, balbetta e cammina con passo incerto. E, ancora, ha vuoti di memoria, si ripete in continuazione..Tutti sintomi del morbo di Parkinson, quella malattia degenerativa del sistema nervoso centrale che aggredisce le cellule che regolano gli impulsi motori.Una leggenda vivente,un mito indistruttibile come sportivo e come uomo: la farfalla che danza sul ring,la "carezza" del guantone che si abbatte sul viso e sul corpo. Quando Cassius aveva dodici anni suo padre gli comprò una bicicletta, un regalo davvero grosso per una famiglia di condizioni modeste come la sua.
La bicicletta venne rubata quello stesso giorno, lui la cercò ovunque senza risultati e un amico gli consigliò di rivolgersi a un poliziotto che frequentava una palestra, la Columbia Gym, e che forse avrebbe potuto aiutarlo. Clay andò alla palestra e per qualche minuto rimase incantato a guardare quei ragazzi bianchi e neri che si allenavano con i loro guantoni di, cuoio, poi trovò il poliziotto, Joe Martin, e gli parlò del furto della sua bicicletta. Nonostante non fosse in servizio, Joe stese un rapporto e poi chiese al ragazzo: "Sai tirare di boxe? Perché non provi ad allenarti? La palestra è aperta tutte le sere a parte il sabato e la domenica". Così iniziò la carriera di Cassius Clay, che avrebbe poi preso il nome di Muhammad Ali, "the greatest" e come si addice alle leggende vince a soli 18 anni la medaglia d'oro nei giochi Olimpici di Roma.Ali sviluppa una boxe sontuosa e poco a poco nasce l'ammirazione per l'atleta e per l'uomo, si comincia a capire che ha inventato un nuovo modo di boxare. Muhammad Ali non danza soltanto per sottrarsi ai colpi degli avversari, ciascuno dei suoi spostamenti è peraltro misterioso o imprevedibile , ma servono anche per costringerli a spostarsi, corrergli appresso, stancandosi e senza riuscire a sottrarsi ai suoi jab, i classici diretti sinistri che alla lunga fanno soffrire. Più che uno stilista, è forse innanzi tutto uno sguardo. In certi filmati questo aspetto è sorprendente, si ha veramente la sensazione che Muhammad Alì veda e inventi, nel senso latino del termine (invenire = scoprire) il suo avversario. Il suo sguardo difficile da descrivere, è fisso, eppure mobile. Il centro della difesa dell'avversario è sempre localizzato in modo preciso e ciascuno dei suoi movimenti captato dall'occhio scuro. La sua tecnica è sopraffina e inimitabile, potenza e leggerezza sono i suoi cardini. Improvvisamente però gli Stati Uniti entrano in guerra contro il Vietnam, Muhammad Alì si rifiuta di arruolarsi dichiarando "Io non ho nulla contro i Vietcong". Inizia con questa presa di posizione la sua "disobbedienza civile" che lo porterà a una sospensione per squalifica di due anni dalla attività agonistica. Questo comportamento fece urlare allo scandalo. E si sparò a zero sul pugile, sfogando su di lui le paure e le frustrazioni di un'America depressa e razzista. La giustizia americana lo dichiarò decaduto dal suo titolo, gli venne ritirato il patentino (quindi non poteva più boxare), il passaporto (era perciò costretto a risiedere negli Stati Uniti).
Ci fu un lungo intervallo che dopo però, alla sua ripresa, diventerà favola, mito. Torna sul ring nel 1970, quattro anni dopo, il pugile che ama definirsi <leggero come una farfalla e pungente come un'ape> riconquista, in una mitica sfida notturna in Africa, nella città di Kinshasa in Zaire, il titolo dei massimi con uno dei gesti atletici più belli e intensi della storia del pugilato, nel match contro George Foreman. In quell'incontro, nelle prime riprese, sembra che Muhammad Alì abbia la peggio sull'avversario, non fa altro che incassare colpi terribili e tutti pensano che sia solo questione di tempo prima che finisca al tappeto. Ma all'ottava ripresa contro ogni pronostico stende a terra un Foreman oramai stremato. E' l'incontro del secolo, il più bello e intenso in assoluto,quando le sue mani  stesero George Foreman mentre la gente gli gridava "Ali bomaye, Ali bomaye (uccidilo Ali)":quelle mani  ora sono tremolanti, ma indicano ancora con fermezza la strada dell'orgoglio umano!Ora è consacrato alla leggenda, è lui il numero uno e lo sarà ancora per molto tempo, forse per sempre! La forza, Muhammad Ali, l’ha sempre avuta nel sangue; non è mai stata soltanto un’energia straordinaria in grado di abbattere ogni genere di barriera, umana o sociale, incontrata lungo il percorso, ma soprattutto un’inclinazione alla sfida che in ogni istante della sua vita emergeva con prepotenza, chiedendo di essere ascoltata.Negli anni 90, però, Muhammad Alì inizia una battaglia ancora più cruenta delle precedenti, questa volta con il morbo di Parkinson che lo limita nei movimenti e nella parola. Alì diventa così una malinconica controfigura dell'immenso fuoriclasse che ha impresso una svolta rivoluzionaria alla boxe dei colossi, affievolendone la brutalità ed incrementandone la fantasia. Nell'ultima apparizione, alle Olimpiadi di Atlanta, quando commuovendo il mondo intero ha acceso la fiamma che inaugurava i giochi, pur menomato nei movimenti ci è sembrato un gigante pronto a riprendere il combattimento. Ali si siede vicino agli atleti delle varie nazioni, che lo guardano incantati, come può esserlo chi si imbatte in un simbolo eterno. Ora che non punge più e i suoi movimenti non sono da ballerino del ring ma tremolii sul quadrato spietato della vita, Muhammad Ali è perfino più forte di prima. Ha la potenza imbattibile dell'amore della gente, più di quanta ne avesse ai tempi in cui si era legittimamente proclamato "il più Grande". Il più Grande’ lo sarà per sempre!



Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.