Che ora è ?

lunedì 14 gennaio 2013

PIERFRANCO BRUNI o del mistero dell’amore tra viaggio e destino

Nel romanzo “Passione e morte. Claretta e Ben” presentato con successo a Bari
Resta centrale la figura del padre che racconta di quando “tutti eravamo fascisti”
 
di Sandro Marano
E’ stato presentato nei giorni scorsi presso la libreria La terra di Thule in Bari il libro di Pierfranco Bruni “Passione e morte. Ben e Claretta” edito da Pellegrini. L’autore è stato presentato da chi scrive che, dopo aver delineato un breve profilo dello scrittore e della sua produzione saggistica e narrativa, ma soprattutto poetica, ha posto una serie di domande sia sulla forma di questo racconto lirico sia sui suoi contenuti.

In particolare, caratteristica di Bruni - è stato rilevato - è la sua scrittura poetica, che tende a far coincidere prosa e poesia. La poetessa Angela Giannelli ne ha dato un apprezzabile esempio, leggendo magistralmente il capitolo intitolato “Nella bellezza di Clara” e riscuotendo un caldo applauso dal folto pubblico presente. Bruni fa riferimento e applicazione della nozione di ragione poetica elaborata dalla filosofa Maria Zambrano, spingendo la ragione e la scrittura nell’oscurità del sentire.
Il racconto che, come bene riassume il titolo, ripercorre l’amore-passione di Clara Petacci e di Benito Mussolini e il suo tragico epilogo, si snoda tra storia, fantasia ed emozioni personali.
Comincia con la figura del padre - che, ricordiamo, indossò la camicia anche dopo l’8 settembre e mai rinnegò la sua scelta politico-esistenziale - che racconta con umana partecipazione, prosegue con quella dello scrittore stesso che visita i luoghi dove si consumò la tragedia alla ricerca di un senso che sfugge e si interroga sul  mistero di un amore nel tempo della storia e del viaggio, che diventa il paradigma dell’amore che resta fedele nella tragedia e non teme la morte (“l’amore, la passione, il rischio e la bellezza di una donna che ha saputo morire per il suo uomo”), per poi dare voce a Claretta e Benito con delle lettere inventate e riprendere, infine, il dialogo col padre che in una pagina di grande intensità consiglia al figlio scrittore di non dimenticare mai ma di andare comunque oltre.
Nel racconto accanto al padre, il cui racconto si configura come storia, come elemento maschile, c’è, sia pure implicitamente, la madre, l’elemento femminile, che si configura come mito e fantasia: “Mio padre mi racconta. Mia madre ascolta ma rincorre i segni delle favole lontane.”, scrive Bruni nell’incipit del racconto. Molto è stato detto e scritto su questa storia che Gervaso ha definito la più bella storia d’amore del ‘900 ed Ezra Pound ha cantato nei primi versi del suo capolavoro, i Pisan Cantos: “L’enorme tragedia del sogno nelle spalle curve del contadino / Manes ! Manes fu conciato e impagliato. / Così Ben e la Clara a Milano / per i calcagni a Milano…”.
In questo racconto, come pure nel  precedente “La bicicletta di mio padre”, in cui Bruni dà prova di una notevole e convincente maturità espressiva, emerge la figura di Claretta, donna affascinante e di straordinaria bellezza, che non indietreggia di fronte alla morte, che non ha paura di mostrare la sua umanità forte e delicata, né una dimensione più politica, come quando non si limita a consolare il duce stanco, sfiduciato  e deluso, “il sognatore naufragato”, come Benito si firma in una delle lettere a lei indirizzate durante i 600 giorni di Salò (una serie prodotta da Rai Educational: Ben e Clara. “Le ultime lettere” andata recentemente in onda le ha proposte al pubblico con l’interpretazione superba di Michele Placido e Maya Sansa), ma consiglia, esorta a prendere decisioni, si misura con gli eventi del tempo.
Che cosa resta di questa storia? Probabilmente, la sua grande poeticità, il suo “essere sospesi tra cielo e lago”, come scrive Claretta in una lettera.

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.