Che ora è ?

domenica 3 marzo 2013

Avevamo i pantaloni corti e giocavamo cosi’…

A molti “benpensanti” potranno apparire inutili, sciocchi e “puerili” i giochi di una volta ma, chissà, se forse un giorno lontano non torneranno di moda. E già, perché i giochi “dimenticati” facevano giocare e divertire con poco, permettevano di muoversi, di stare all’aria aperta, di socializzare, di ridere, di piangere, di rincorrere, di saltare, di costruire, di creare;chi si divertiva a costruire un monopattino(qualcuno/a lo ricorda assieme a  “lu carruzzone”?), chi correva dietro ad un vecchio cerchio di bicicletta, chi saltellava con una corda elastica, chi lanciava una ”trottola”, chi contava e chi si nascondeva.Erano tanti i modi per stare in compagnia ,emozionarsi ed avere il sorriso sulle labbra. Ora, per le vie dei paesi che un tempo si trasformavano in “palcoscenici di giochi”, non si sentono più risate di gioia per una vittoria, né pianti per aver sentito la sconfitta nelle competizioni e, cosa ancor piu’ triste e greve,non si e’ nemmeno soddisfatti e sazi nonostante l’opulenza di questo nostro mondo occidentale.
Il gioco è sicuramente l’espressione più autentica e spontanea dell’infanzia, è attraverso l’attività ludica che si possono intravedere tendenze ed inclinazioni del bambino. Dice il Pitrè “Il fanciullo è un piccolo uomo e noi, fanciulli di una volta, possiamo, nei suoi atti scomposti e meccanici d’oggi vedere o prevedere i suoi atti relazionali di domani come nel breve, ahi! troppo breve! periodo della sua età spensierata, studiare quelli men brevi dell’agitata adolescenza e della non lieta maturità”.I bambini possiedono l’istinto del gioco e questa attitudine emerge già in tenera età. Il gioco è una delle componenti principali nella formazione psico-fisica dell’individuo; è occasione di socializzazione e di apprendimento; è formazione ed educazione; il gioco stimola l’inventiva, la curiosità, l’ingegno, la manualità, la creatività; esso abitua alla competizione, alla riflessione, al rispetto delle regole; attraverso il gioco si potenziano abilità fisiche e motorie, contribuisce a formare la mente; rappresenta, inoltre, un vero e proprio allenamento che il bambino compie inconsapevolmente per avvicinarsi ed adattarsi alla società degli adultiI giochi, secondo Lhotzky, sono la parte più seria della vita del bambino, sono il lavoro più grave che egli compie. Il gioco, come trasposizione del lavoro, dove il bambino impegna tutte le sue abilità e la sua creatività; per riuscire nel gioco dà il massimo di sé, proprio come fa l’adulto nelle attività lavorative.Qualche esempio di gioco di una volta… nei  miei ricordi:
 La campana: La ricordo in via Archita, tracciata sulla terra rossa (la via all’epoca non era asfaltata) con le galline che ci passavano sopra e chi giocava a cacciarle…Era piu’ che altro un gioco femminile. Serviva molto poco: si tracciava per terra, col gesso o con del carbone o con una pietra, una figura simile ad una campana suddividendola in dieci parti;quindi venivano disegnate delle righe orizzontali distanti tra loro circa mezzo metro e dopo veniva tracciata una croce che divideva la parte centrale in quattro triangoli, seguiva poi la campanella costituita da una fascia orizzontale ed infine la campana, una specie di cupola che, essendo l’ultima parte, costituiva la meta finale del gioco che si svolgeva in questo modo:la giocatrice gettava una piccola pietra appiattita   davanti alla casella nr. 1 cercando di non farla uscire fuori dai lati che la delimitavano. Saltellava, con il piede destro (mentre il sinistro restava sollevato) nella casella nr 1, prendeva con la mano la pietra e la tratteneva finchè,non giungeva alla casella nr 6 dove poteva fermarsi e riprendere a saltellare fino alla decima casella.La stessa giocatrice lanciava poi la pietra nella casella nr.2 e ricominciava il giro; questo si protraeva fino alla casella nr 6 verso la quale, la pietra la si lanciava in diagonale stando vicino all’angolo della casella nr.1; ovviamente duranteil gioco, la giocatrice non poteva, in nessun modo poggiare per terra l’altro piede né “invadere” altre caselle.Terminato il “saltellare” delle dieci caselle cominciava il saltellio a zig zag, cioè dalla casella nr.1 si andava alla 9, poi alla 3, poi alla 7 ed infine alla nr.5 per ritornare poi al punto di partenza saltellando nelle caselle con numeri pari.La giocatrice, che fino a quel punto non aveva commesso errori, con gli occhi bendati, ricominciava il gioco delle caselle dalla nr.1 fino alla nr.10; ogni volta che la giocatrice poggiava i piedi in una casella diceva “amen?” per chiedere alle altre partecipanti al gioco se avesse invaso le altre caselle in caso positivo rispondevano “salamen”,nel caso di invasione di altre caselle rispondevano “ sasizza”;in questo caso il gioco finiva e ricominciava a giocare una nuova concorrente.Vinceva chi, senza commettere infrazioni, riusciva a completare il gioco in tutte le dieci caselle della campana.
lu tticchiti: Era  un pezzetto di legno chiamato  lu tticchiti,( voce onomatopeica) appuntito da ambo le parti. Il legnetto lo si ricavava, generalmente, da un ramo verde  e tutti i ragazzi ne avevano uno personale che portavano sempre in tasca. Dopo aver individuato il luogo più atto, i ragazzi facevano un cerchio per terra, la cicla, e dopo il famoso tuèccu si decideva chi iniziava a giocare. Il primo giocatore tenendo bene in mano la tavoletta, dava un colpo sulla punta tlu tticchiti che si sollevava da terra. Il modo  di giocare più comune era quello di lanciare lu tticchiti quanto più lontano possibile dal cerchio.
Lu curruculu :  La trottola, più comunemente chiamata curruculu era un giocattolo di legno a forma di cono alla cui estremità inferiore c’era una punta di ferro.Per farlo girare occorreva una funicella che veniva avvolta intorno al giocattolo partendo dalla punta e arrivando verso l’alto. La trottola veniva lanciava imprimendogli un movimento che le permetteva di farla girare su se stessa. Le modalità di gioco erano diverse ma la più comune consisteva nel disegnare un cerchio sulla terra battuta nel quale venivano poste delle caramelle o della frutta secca; lanciando la trottola in roteazione all’interno del cerchio, chi riusciva a far uscire il maggior numero di dolciumi all’esterno poteva gustarsi gli stessi come premio.
Ghiummu :Esso  si svolge nel modo seguente:
Si faceva innanzi tutto la conta per stabilire chi dovesse stare “sotto”. Chi veniva designato dalla “conta”, posizionandosi nel mezzo della strada, si piegava mettendo le mani sopra le ginocchia. Tutti gli altri saltavano a turno, appoggiando le mani sulla schiena del compagno.
Il pettine sonoro: Bastava avvolgere della carta velina intorno ad un pettine e fermarla con un elastico per costruire un rudimentale organetto il quale veniva accostato alle labbra e ci si soffiava con forza;le vibrazioni della carta velina sui dentini del pettine provocavano una specie di pernacchia modulata che costituiva una insolita musica che permetteva di accompagnare “la voglia di cantare” dei fanciulli.
Scasciapignate:Usando una corda tesa tra i due lati della strada,  vi si appendevano alcune pignate di coperchio nelle quali venivano nascosti dei regali, ma anche, in alcune, acqua sporca o farina.I partecipanti al gioco facevano la conta ed il sorteggio: il prescelto dalla sorte veniva bendato, fatto girare 3-4 volte su se stesso, in modo da fargli perdere l’orientamento, e con un grosso bastone aveva diritto a sferrare uno o due colpi per cercare di colpire qualche pignata appesa. Se riusciva a romperne una, aveva il diritto di impossessarsi di quanto in essa contenuto (frutta secca), e nello stesso modo era costretto a “sopportare” l’eventuale liquido che, al rompersi della pignata, lo avrebbe inondatoTra il sogno e la fantasia ricordo una tale “giocata” in via Mastropaolo 63,ove abitava mia zia Marietta.
Le palline : Si produceva una buca per terra e i giocatori da una distanza convenuta, dopo aver tirato a sorte, dovevano far entrare una biglia nella piccola fossetta. Chi riusciva a farlo comandava il gioco. Questi, facendo centro dalla buca, allungando i palmi delle mani e tenendo la biglia nella mano destra tra il medio e il pollice, spingendo come un piccolo stantuffo, doveva cercare di colpire la biglia avversaria e allontanarla della buca; se ci riusciva vinceva la biglia colpita. Il gioco continuava in questo modo, fino all’esaurimento delle biglie da parte di qualche concorrente, oppure fino allo sfinimento dei giocatori. C’era un vero e proprio giro d’affari; si compravano e si cedevano biglie, quelle più grosse avevano un valore più elevato, insieme a quelle multicolorate.
Battiparete : Si stabiliva la posta, tirato a sorte, il primo  batteva con la moneta al muro e doveva cercare di farla allontanare quanto più possibile, il secondo batteva al muro e doveva tentare di avvicinarsi alla moneta del primo che stava a terra di quel tanto che bastava per poter essere ‘vinta’: se cioè la seconda moneta cadeva alla distanza del palmo della mano del battitore, questi vinceva la moneta in gioco. E così via. L’abilità consisteva ad allontanare  la moneta quanto più possibile, e al proprio turno, calcolare quanta energia bisognava imprimere alla mano per cercare che la propria moneta si ponesse alla distanza inferiore del proprio palmo della mano, per poter vincere.
 Spaccachianche: I bambini lanciavano in aria, a turno, i soldi di metallo. Ogni giocatore cercava di far andare i soldi il più vicino possibile alla fessura della "pietra piatta"; colui che si avvicinava di più, vinceva e si prendeva tutti i soldi.
Lu scaffu : Per il gioco dello schiaffo si mettevano tanti bambini insieme e tiravano a tocco; finchè un bambino veniva scelto per mettersi sotto. Si metteva  in mezzo con una mano aperta sotto il mento. Un compagno gli dava un sonoro schiaffone e tutti alzavano la mano con il dito in aria e doveva indovinare chi fosse stato. Se non indovinava, restava ancora in mezzo e prendeva schiaffi finchè non avrebbe indovinato chi fosse. Una volta indovinato, usciva e si metteva sotto il bambino che aveva tirato lo schiaffo.
Scunnicoa :Un gruppo di ragazzi, tirato a sorte, cominciava il gioco. Il sorteggiato doveva cercare di raggiungere l’altro che si dava a correre, ma era un correre non rettilineo, in modo da ingannare la traiettoria di chi rincorreva, se però si era raggiunti e toccati, la corsa del primo giocatore terminava e bisognava bloccarsi; si doveva attendere l’eventuale “liberazione” da parte di un altro compagno se riusciva ad eludere la rincorsa e la sorveglianza dell’incaricato a bloccare tutti. Il gioco terminava se tutti erano stati toccati dal sorteggiato decretando la sua vittoria.
Non esisteva nessun disturbo dall’esterno, niente TV, niente computer, scarsissima produzione industriale di giocattoli con, in compenso, una solida presenza di rapporti interpersonali e di socializzazione. Era considerato importante lo stare insieme, anche i momenti di lavoro si trasformavano in occasione di socializzazione. La persona allora era al centro della società e il gioco era di tipo collettivo-creativo e ad alto contenuto sociale. I bambini di oggi non sanno più cosa voglia dire avere un cielo azzurro sulla testa, schiacciati dalla loro passività di soggetti cresciuti davanti alla TV, con gli occhi abituati ad incamerare sempre più immagini e a produrre sempre meno parole. Ieri il bambino non aveva bisogno dell’adulto, della guida:essi erano indipendenti ed autonomi nel gioco prima e nella vita, poi; oggi non sono abituati a scegliere, c’è sempre qualcuno che provvede ad indirizzarli verso qualcosa e quando non c’è l’adulto c’è bisogno del computer o di altro. L’oggetto giocattolo è il nulla e dietro di esso si aggrovigliano il vuoto delle relazioni umane e l’assenza della fantasia, della creatività e dell’inventiva; in questo modo il gioco, inteso come tempo della piena libertà infantile, viene spogliato di spazi ampi e differenziati e mutilato dei propri segni educativi quali il movimento, la comunicazione, la fantasia, l’avventura, la costruzione, la socializzazione. Il bambino, spesso, non sceglie in base alle sue esigenze ma viene trascinato in forme di divertimento imposte, create artificialmente, prefabbricate. Bambini che stanno insieme fisicamente ma che non socializzano affatto, tra loro non si creano rapporti interpersonali ma soltanto muri di isolamento e solitudine.Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti. Non lamentiamoci, abbiamo creato noi questa societa’!
N.B. Indulgete a questi ricordi, soprattutto se  ho tralasciato e/o sbagliato qualcosa.

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.