Che ora è ?

mercoledì 20 marzo 2013

Pierfranco Bruni: “Il rivoluzionario e futurista D’Annunzio seppellisce definitivamente il lamento di Pascoli”.

Taranto ha celebrato Gabriele D’Annunzio a 150 anni dalla nascita con un incontro di studi che ha visto protagonista la relazione di Pierfranco Bruni e l’intervento di Maria Giovanna Russo
 
Celebrato Gabriele D’Annunzio a 150 anni dalla nascita con un incontro di studi organizzato dalla Libreria Mondatori di Taranto, che ha visto protagonista Pierfranco Bruni, che ha delineato le linee critiche dell’opera dello scrittore nato a Pescara tratteggiando un profilo caratterizzate e fuori dagli schemi comuni e antologici e Maria Giovanna Russo Caradonna che ha parlato di D’Annunzio e il cibo tra sesnualità e passioni. 

Ma il 2013 è l’Anno delle Celebrazioni dedicate a D’Annunzio e per l’occasione Pierfranco Bruni (Vice presidente nazionale del Sindacato Libero Scrittori), dopo diversi studi sul Novecento letterario, ha nuovamente posto l’attenzione, con “Lo scrittore e il viandante”, sul D’Annunzio rivoluzionario nella lingua e nella politica, sciamano  e deciso conoscitore della cultura Mediterranea e Albanese. 
Maria Giovanna Russo ha scelto come tema conduttore il legame che il poeta aveva con il cibo proponendo una serie di ricette che sono stati elementi di discussione ampia anche per un rapporto tra sensualità e gusti gastronomici. 
Si è discusso dell’estetica dannunziana ma anche di tradizioni, usi  e sulla funzione letteraria e sui sentieri di un Novecento tutto vissuto su griglie simboliche che trovano in D’Annunzio un punto di riferimento e una chiave di lettura di un secolo che continua a vivere tra linguaggi, forme e poesia. 
Pierfranco Bruni, che più volte si è occupato di D’Annunzio in diversi scritti e testi, pubblicherà prossimamente, un saggio che traccerà le metafore del “Notturno” come alchimia del “fuoco” e “contemplazione della morte” (“Gabriele D’Annunzio. L’alchimia del fuoco e lo sciamamo notturno”) in un attraversamento onirico e tragico. Un annuncio di una pubblicazione che vedrà protagonisti studiosi italiani ed internazionali con contributi di diverse università estere. 
D’Annunzio era nato il 12 marzo del 1863 a Pescara e morto  il 1 marzo del 1938 a Gardone Riviera. 
Tra Pierfranco Bruni e  Maria Giovanna Russo si è subito innescato un confronto che è stato sviluppato su tesi e tematiche letterarie e storiche ma anche su una lettura di alcuni testi che hanno permesso una suggestiva interpretazione e provocazione estetica. 
Infatti  la straordinaria forza letteraria di D’Annunzio ha permesso di una chiave di lettura in una visione non solo analitica ma fortemente comparativa sia con gli strumenti critici che con l’impostazione che le culture hanno adottato nel confrontarsi con un poeta e un uomo al centro di un’epoca che ha dettato i modelli linguistici della contemporaneità. 
Importante la sottolineatura di Bruni che ha concluso il suo intervento parlando di un D’Annunzio legato al Futurismo e ai modelli innovati della pubblicità sostenendo che in D’Annunzio c’è il Novecento e “La pioggia nel pineto” chiude una stagione romantica e crepuscolare tra nenia e lamento. 
“D’Annunzio seppellisce definitivamente Pascoli”. Con queste parole Bruni ha chiuso la sua relazione.

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.