Che ora è ?

sabato 16 marzo 2013

La bellezza delle parole del Vescovo di Taranto nel cammino di Papa Francesco

di Pierfranco Bruni
 
Un Papa tra la “ragione” dell’esempio e la testimonianza di Sant’Ignazio di Layola, di Matteo Ricci e di San Giuseppe Moscati
nel segno di San Francesco
Nelle parole del nostro Vescovo Monsignor Filippo Santoro, espresse sul “Corriere” e riferite al nuovo Santo Padre, Papa Francesco, ho felicemente letto la speranza di una carità che è dentro il messaggio spirituale, ma si “materializza” negli esempi, nelle azioni, nel gesto della presenza del Cristo tra noi.

La parola misericordiosa nel linguaggio del Vescovo di Taranto  pone una riflessione dentro la Chiesa dei nostri giorni. Io scettico nella Istituzione ma credente in Cristo resto nel segno della preghiera.
Un eretico credente è sempre un eretico alla Papini. Papini è la voce più ribelle di un uomo finito che trova nella storia di Cristo la voce della salvezza.
Ebbene, la misericordia è carità. E per Papa Francesco, che ha vissuto in Argentina, nel Sud degli Occidenti smarriti e attraversati dai Mediterranei in viaggio, la sua esperienza di uomo e di cristiano gesuita ha proprio quella bellezza come dono in una fede che deve essere vissuta nei cuori. Un gesto di spiccata umiltà.
Ma la cultura dei Gesuiti ha le sue altezze e le sue “evoluzioni”.
La Chiesa vincente è proprio in quella storia che si lascia afferrare dal mistero. Il carisma del francescanesimo è la “notizia” del tragico quotidiano che si trasforma in speranza. E mi pare che Papa Francesco abbia celebrato il suo pellegrinaggio nel nome sia mariano che cristocentrico.
La storia dei Gesuiti è una avventura ricca di straordinari destini.
Il pellegrinaggio di Matteo Ricci  ha penetrato la Cina portando in Oriente il Cristo in Croce e il Cristo risorto ed ha consegnato alla Chiesa di 500 anni fa la testimonianza di una civiltà incrociata tra spazio e tempo, ponendo in riflessione sia gli elementi teologici sia quelli filosofici sia quelli scientifici. Una grande presenza nella cristianità dei popoli.
La Chiesa vincente è quella di San Giuseppe Moscati. Un Santo che ha vissuto il passaggio, nei suoi percorsi alla santità, da Paolo VI a Giovanni Paolo II nella rettitudine dei modelli dei Gesuiti. La Compagnia di Gesù nell’evento del “Racconto del Pellegrino” di Sant’Ignazio. Un cammino tra le epoche e le civiltà.
Tre storie nella santità dei processi oltre ogni secolarizzazione e nel segno del miracoloso. Il “contemplante nell’azione” o il “contemplativo nell’azione” è nel viaggio di Sant’Ignazio di Loyola. Nel messaggio di Monsignor Filippo Santoro c’è la speranza che si fa creato.
Non è soltanto la volontà della speranza.  È la speranza di un pellegrinaggio, in un mondo smarrito, che tutti dovremmo vivere e compiere.
Papa Francesco punta lo sguardo ad Assisi per narrarci il volto delle “creature” e leggerci il Vangelo non solo come recitativo pregante ma come  quotidianità nel nostro presente.
È questa la Chiesa che vince nella bellezza della conoscenza, della consapevolezza e del mistero rivelante in Dio!

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.