Che ora è ?

lunedì 22 aprile 2013

Dalla storia alle etnie

Risorgimento ed etnie”  di Micol Bruni sarà oggetto di discussione, con la cura di Francesco Mastroberti, il  prossimo Mercoledì 24 aprile All’Università Palazzo Ateneo del Dipartimento Jonico di Taranto
 

Il Dipartimento Sistemi Giuridici ed Economici del Mediterraneo Società Ambiente Cultura dell’Università degli Studi di Bari e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione Biblioteche Beni Librari e Istituti Culturali organizzano un incontro su “Risorgimento ed Etnie” grazie allo studio di Micol Bruni “Schegge d’Italia”.


Infatti Mercoledì 24 aprile prossimo verrà presentato il saggio “Schegge d’Italia. Risorgimento ed etnie” di Micol Bruni. L’incontro è fissato alle ore 11,00 nella Sala II dell’Università degli Studi di Bari Polo Jonico di Taranto – Palazzo Ateneo ex Convento di San Francesco a Taranto. A presentarlo sarà il Chiarissimo prof.  Francesco Mastroberti (Pellegrini).
Una ricerca che tocca i punti salienti del rapporto tra la storia delle etnie (le minoranze linguistiche) nel Regno di Napoli e il contesto risorgimentale proprio negli anni cruciali dell’Unità d’Italia. Micol Bruni, avvocato del Foro di Taranto, si è laureata con una tesi sul rapporto giuridico tra le minoranze e le capitolazioni  proprio con Mastroberti.
Il lavoro è parte integrante della ricerca del Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione Generale per le Biblioteche, gli Istituti Culturali e il Diritto d’Autore e rientra nel Progetto “Etnie, Culture e Minoranze Etno – linguistiche” coordinato da Pierfranco Bruni.
I temi affrontati sono elementi significativi sia del dibattito storico di questi anni sia della relativa dialettica dei linguaggi sommersi presenti nell’Italia
risorgimentale. Toccano aspetti che vanno dalle lingue d’Europa alle contaminazioni, dalle Capitolazioni Italo-albanesi alla presenza di Garibaldi nel Regno di Napoli, dal contributo dato dagli Italo-Albanesi all’Unità d’Italia al ruolo rivestito da Maria Sofia, ultima regina del Sud, tra guerra civile, Risorgimento incompiuto e storia unitaria.
Al testo hanno lavorato Micol Bruni, studiosa di minoranze linguistiche sul piano storico e giuridico (è Cultrice di Storia del Diritto Italiano all’UNIBA) e svolge una intensa ricerca su tali argomentazioni in termini scientifici e Pierfranco Bruni, esperto di Etno-letteratura delle culture del Mediterraneo e Responsabile del Progetto sulle minoranze linguistiche del MiBAC, autore di scritti tradotti in diverse lingue. Il testo si arricchisce di una ricca Bibliografia.
L’Introduzione è firmata da Maurizio Fallace, già Direttore Generale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Il saggio è pubblicato dalla Casa editrice Pellegrini di Cosenza con il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.