Che ora è ?

sabato 27 aprile 2013

L’ideale cavalleresco e la civilta’ cortese.



“Le donne, i cavallier, l'arme, gli amori,le cortesie, l'audaci imprese…”: questi versi meravigliosi del proemio dell’Orlando Furioso dell’Ariosto, ci introducono in quel sognante e meraviglioso mondo che fu il Medioevo e di cui la Cavalleria fu un aspetto fondamentale. Sullo scorcio del secolo XII e all’ inizio del XIII, essa comincia a diventare un ceto chiuso, a cui non si può accedere dall’ esterno. D’ora in poi possono diventare cavalieri solo i figli dei  cavalieri. Per essere considerati nobili, non basta più il diritto al feudo, e neppure l’alto tenore di vita, ma occorrono le precise condizioni e tutto il rituale della nomina solenne. L’acceso alla nobiltà viene così nuovamente sbarrato, e probabilmente non si sbaglia a supporre che furono proprio i cavalieri nuovi di zecca a propugnare col massimo zelo questa serrata.
Comunque, il momento in cui la cavalleria si trasforma in senso ereditario e diventa una casta militare  chiusa, e’ senza dubbio il momento più importante  nella sua storia e uno dei momenti più decisivi in quella della nobiltà. Non solo perchè d’ ora in poi i cavalieri fanno parte integrante della nobiltà, e sono in netta maggioranza rispetto agli antichi nobili, ma perchè ora e soltanto, e proprio per opera loro, si foggia l’ ideale cavalleresco, la coscienza di classe e l’ ideologia di classe della nobiltà. Soltanto ora, in ogni caso, i principi della condotta e dell’etica nobiliare acquistano quella chiarezza e quell’intransigenza con cui si presentano sull’epopea e nella lirica cavalleresca. L’idealismo romantico e l’ eroismo riflesso e sentimentale della cavalleria, questo idealismo e eroismo di seconda mano, nascono soprattutto dalla consapevolezza e dall’ ambizione con cui la nobiltà sviluppa il suo concetto dell’ onore. Da un lati essa si attacca all’esteriorità ed esaspera il formalismo della vita aristocratica; dall’ altro pone l’intima nobiltà dell’ animo al di sopra della nobiltà esteriore e formale della nascita e del tenore di vita. Non è pensabile alcuna realtà cavalleresca senza la forza fisica e l’esercizio fisico, e tanto meno in contrasto con essi, come le virtù del cristianesimo primitivo. Nelle singole parti del sistema che, ad analizzarle attentamente, comprendono le virtù stoiche, cavalleresche, eroiche e aristocratiche in senso stretto, il valore delle doti fisiche e di quelle spirituali è in ognuna diverso, ma in nessuna di questa categorie il fisico perde del tutto la sua importanza. Il  primo gruppo contiene essenzialmente, come è stato affermato del resto per tutto il  sistema, i noti principi della morale classica in veste cristiana. Forza d’animo, fiducia, tenacia , misura e dominio di se’ costituivano già i concetti fondamentali dell’etica aristotelica, e più tardi, in forma più rigida, di quella stoica; la cavalleria li ha semplicemente ricevuti dall’antichità attraverso la mediazione della letterature italiana del Medioevo. Le virtù eroiche , specie il disprezzo del pericolo, del dolore e della morte, l’assoluta osservanza della parola data, la sete di gloria e di onore, sono già in gran pregio nella prima età feudale; l’etica cavalleresca non ha fatto che mitigare l’ideale eroico di quell’ epoca, infondendogli un colorito sentimentale, ma è rimasta fedele al principio.
Il nuovo senso della vita si afferma - nella forma più pura e immediata - nelle virtù propriamente cavalleresche e gentili: da un lato la generosità verso i vinti, la protezione del debole e il culto della donna, cortesia e galanteria; dall’altro le caratteristiche del moderno gentiluomo, liberale e disinteressato, superiore ai vantaggi materiali, sportivamente corretto e gelosissimo del proprio decoro. Sebbene la morale cavalleresca non sia del tutto indipendente dall’emancipata mentalità borghese, tuttavia nel culto di queste nobili virtù, è in netto contrasto con lo spirito borghese del guadagno. La cavalleria si sente minacciata nella sua esistenza materiale dall’economia monetaria borghese, e si volge con odio e con disprezzo contro il razionalismo economico del mercante, contro il calcolo e la speculazione, contro l’attitudine a risparmiare a e contrattare. Antiborghese è tutto il suo tenore di vita, la sua prodigalità, il suo gusto per la cerimonia, il suo disprezzo per ogni lavora manuale e di ogni regolare attività di lucro. Molto più difficile dell’analisi storica del sistema etico cavalleresco è a piegare storicamente le due grandi creazioni culturali della cavalleria: il nuovo ideale amoroso e la nuova lirica amorosa. E’ evidente fin da principio che esse sono in stretto rapporto con la vita di corte. Le corti non sono soltanto il loro a fondo, ma anche il terreno che le alimenta. Ora però sono le corti minori, quelle dei principi e dei feudatari, e non più quelle dei re, a determinare lo sviluppo generale. La cornice più modesta spiega anzitutto il carattere relativamente più libero, individuale e vario, della cultura cavalleresca. Essere originali in questo mondo dominato dalle forme, equivale ad una scortesia inammissibile. Appartenere al circolo di corte è in se il maggior premio e onore; ostentare la propria originalità è coma disprezzare quel privilegio. Così tutta la civiltà dell’epoca resta legata a convenzioni più o meno rigide. Come sono stilizzate le buone maniere, l’espressione dei sentimenti, anzi i sentimenti stessi, così lo sono anche le forme di poesia e dell’arte.
La cultura della cavalleria medievale è la prima manifestazione moderna di una cultura organizzata dalle corti, la prima in cui fra il signore, i cortigiani e i poeti ci sia una vera comunione spirituale. Le corti delle muse non sono soltanto strumenti di propaganda e istituzioni culturali sovvenzionate dai principi, ma rappresentano organismi complessi in cui quelli che inventano le belle forme di vita e quelli che le mettono in pratica mirano allo stesso fine. 
Ma una simile comunione è possibile solo dove ai poeti che salgono dal basso è aperto l’accesso ai più alti strati della società, dove tra i poeti e il loro pubblico c’ è una grande somiglianza di vita (che sarebbe stata inconcepibile un tempo), e dove cortesia e scortesia non implicano solo una differenza di condizioni, ma di educazione: dove quindi non si è necessariamente gentili per nascita e per grado, ma lo si diventa per istruzione e carattere. La civiltà cortese del Medioevo si distingue da ogni altra - anche da quella della corti ellenistiche, pur fortemente influenzata dalla donna- soprattutto per il suo carattere spiccatamente femminile; e non solo perché le donne prendono parte alla vita intellettuale e contribuiscono a orientare la poesia, ma perché, sotto molti rispetti, è femminile anche il pensiero e il sentimento degli uomini. Mentre gli antichi poemi eroici, e le stesse Chanson de Geste, erano destinati a un auditorio maschile, la poesia amorosa provenzale e i romanzi bretoni del ciclo di Artù si rivolgono anzitutto alle donne. Eleonora d’Aquitania, Maria di Champagne, Ermengarda di Narbona, o comunque si chiamino le protettrici dei poeti, non sono soltanto gran dame, coi loro salotti letterali, esperte e promotrici di poesia, ma sono spesso loro a parlare per bocca dei poeti. E non basta dire che gli uomini debbano alle donne la loro educazione estetica e morale, che esse sono la sorgente, l’argomento e il pubblico della poesia …Ciò che contraddistingue la poesia cavalleresca nei confronti della antichità e della alto medioevo è soprattutto il fatto che l’amore, per quanto spiritualizzato, non si eleva a principio filosofico, come in Platone o nei neoplatonici, ma conserva il suo carattere sensuale ed erotico; e proprio in quanto tale opera la rinascita della personalità morale. Nuovo, nella poesia cavalleresca, è il culto consapevole dell’ amore, il senso che l’amore va protetto e alimentato; nuova è la credenza che l’ amore sia la fonte di ogni bontà e bellezza e che ogni atto turpe, ogni bassa inclinazione sia un tradimento verso l’amata. Nuovo è l’intimo dolce affetto, la pia devozione, che l’amante prova in ogni pensiero per la sua donna; nuova l’infinita, inappagata e inappagabile, perché illimitata, sete d’amore. Nuova è la felicità d’amore, che è indipendente dalla soddisfazione del desiderio e resta suprema beatitudine anche nel più duro insuccesso. Nuovo infine è l’intenerimento e la femminilizzazione dell’ uomo innamorato. Già l’uomo che faccia la parte del corteggiatore capovolge il rapporto primitivo fra i sessi. Le età arcaiche ed eroiche, in cui i bottini di schiave e ratti di fanciulle sono all’ordine del giorno, ignorano il corteggiamento. Che, del resto, contrasta anche l’uso del popolo. 
Qui è la donna, non l’uomo, che canta canzoni d’amore. Ancora nelle Chanson de Geste sono le donne a fare gli approcci; solo alla cavalleria questo comportamento appare scortese e sconveniente. Cortese è appunto la ritrosia femminile e lo spasimare dell’ uomo. Cortese e cavalleresca è l’infinita pazienza e la perfetta abnegazione dell’uomo, che sopprime la propria volontà e all’essere superiore alla donna. Cortese è la rassegnazione di fronte all’inaccessibilità dell’oggetto adorato, l’abbandono alla pene d’amore, l’esibizionismo e il masochismo sentimentale dell’uomo: tutte caratteristiche del moderno romanticismo amoroso, che appaiono qui per la prima volta. L’amante nostalgico e rassegnato, l'amore che non esige accoglimento e adempimento, anzi si esalta per il suo carattere negativo: così comincia la storia della poesia moderna.
 

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.