Che ora è ?

mercoledì 10 aprile 2013

“Terra Viva” È un libro di amore, amore per la Terra, amore per la Vita


“Terra Viva” è un libro ricco di contenuti. È un libro di amore, amore per la Terra, amore per la Vita. Comprende un particolareggiato studio sull’essenza della salute umana, la sua relazione coi processi naturali e con l’energia partendo dall’antichità per riassumere i concetti chiave nel conseguimento di un ideale futuro.
Il libro rivela la validità e le radici antiche dei processi geobiologici esplorati negli albori della civiltà e demistifica pretese di mode come la cosiddetta New Age, segnalando le sue vere origini nel secolo VIII prima di Cristo.


Acqua, Vento, Terra, Fuoco: le antiche credenze sorsero dai più remoti tempi quando gli esseri umani sentirono la necessità di trovare una spiegazione agli eventi naturali e cominciarono a stabilire relazioni tra il verificarsi di questi e la loro percezione immediata. Questo generò, dal principio, giudizi di carattere religioso, filosofico o scientifico che nel tempo si svilupparono e si trasformarono in teorie.
In “Terra Viva” si analizzano le teorie di Ippocrate ed Aristotele, Vitruvio e Palladio, Goethe, Lovelock ed il premio Nobel di Medicina LucMontagnier. L’autrice, Graziana Santamaria, sottolinea che: “nella Natura esiste un’organizzazione strutturale della materia … il campo di attrazione a scala planetaria ed anatomica presentano una forte analogia...”.
L’architettura riflette la tendenza dell’uomo a trasformare la natura attraverso sistemi sempre più raffinati e ad introdurre elementi simbolici sin dalle prime costruzioni di castelli e templi, il che si esprimeva nelle più antiche civiltà per mezzo della selezione di una serie di forme geometriche che rispondevano a risolvere necessità pragmatiche e comprendevano un insieme di significati. Dopo avere abitato nelle caverne, l’uomo cominciò a vivere in comunità e gli insediamenti umani primitivi si localizzarono vicino a fiumi e valli con una percezione istintiva che identificava i tratti geografici più rilevanti nel paesaggio, permettendo la sopravvivenza e servendo da ispirazione.
Nella fondazione di città la razionalità derivata dall’uso della geometria e nel tracciato trovò una precoce relazione ed espressione tra il terreno e il divino, tra i microcosmi ed i macrocosmi. Templi e luoghi sacri si nutrirono dei concetti necessari per trovare ubicazioni preminenti e simboliche.
La razionalità derivata dall’uso della geometria nel tracciato delle città che non fu esente da riti cosmogonici. Ed è per questo che l’ubicazione del centro diventa il punto che divide l’asse cielo-terra e dal quale cominciano il Cardo e il Decumano, principi che sono evidenti in archetipi quali Roma, Pompei e altre città.
In “Terra Viva”, Graziana Santamaria descrive il risultato di uno studio appassionato ed espone il suo metodo, la procedura geo-bio®, che sviluppa in 5 fasi e che costituisce il nucleo del libro. L’influenza dell’energia, le radiazioni, la qualità dell’aria e l’acqua, la salute umana, sono aspetti che l’autrice analizza per proporre applicazioni pratiche nell’Agricoltura, nel Turismo, e nell’Alimentazione, tutti ambiti di forte impatto per la salute umana, il bene più prezioso dell’essere umano.
Alla fine, nel capitolo dedicato al giardino ed al paesaggio, il testo definisce e sottolinea l’importanza della visione olistica che sostiene la tesi e contemporaneamente circoscrive un frammento di natura finita percepita a misura dell’uomo, centro di tutto, ragione di tutto. Paesaggio dove l’albero diviene il simbolo principale, albero di vita, connessione tra terra e cielo.
Celebriamo la procedura geo-bio® come premessa per un modo diverso e più saggio di vivere in armonia con la Natura.

Professor Julio César Pérez Hernández
Harvard University Loeb Fellow, Architect, Urbanist and Author

                                         L'autrice:Graziana Santamaria
Nata a Genova dove si è laureata nel 1978 con lode in architettura con una tesi sull’uso del solare passivo, esperta in geobiofisica e medicina dell’habitat.
Nell’ambito della sua attività professionale, con la procedura di qualità ambientale geo-bio® svolge l’attività di bioarchitetto esperto di Geobiologia e Medicina dell’Habitat proponendo soluzioni di architettura riequilibrata da elementi di perturbazione geopatica natutrale (i 50 elementi di perturbazione descritti nel capitolo sulla procedura geo-bio®).
E’ redattore di progetti secondo la certificazione di qualità ambientale geo-bio® anche per ciò che riguarda l’individuazione dei Vettori Geodinamici Ubiquitari, la ricerca di acque sotterranee per scopo irriguo, ricerca del Radon.

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.