Che ora è ?

martedì 2 aprile 2013

Salviamo la Lingua Italiana!



La notizia è di quelle a cui ci puoi girare attorno fin che vuoi e magari trovarci anche delle attenuanti ma la sostanza rimane. Siamo una nazione allo sbando! Perché quando siamo claudicanti nella nostra lingua, claudichiamo in tutto.Non sarà proprio analfabetismo di ritorno ma poco ci manca. Tutti concordi, professori dell'università e della scuola. I ragazzi( e non solo loro) non sanno scrivere e hanno una scarsa conoscenza del lessico italiano. Affermo che è deleterio proporre a giovanissimi studenti solo testi elementari, "ad usum puerorum", col proposito di eliminare il necessario sforzo, e anche la noia e la fatica sovente connessi al mestiere dell’apprendimento. La conseguenza della semplificazione è che la comprensione dei testi scritti è diventata ardua, e in particolare il lessico posseduto dai nostri studenti (e non solo loro,ribadisco) è insufficiente persino a leggere un quotidiano nazionale.
Scelte culturali discutibili quindi, giacché “il cimento – l’attrito avrebbe detto Graziadio Isaia Ascoli – con un testo scritto in una lingua diversa da quella più spontanea ha sempre un forte potenziale educativo”. L’allarme è ormai presente all’opinione pubblica, anche se solo a scadenze dettate dagli scoop. Anche i migliori diplomati, quelli che superano i test di ingresso più rigorosi fanno strafalcioni di grammatica e ignorano la sintassi.E così alla seconda facoltà di Medicina di Torino, da quest'anno, per le matricole sono organizzati corsi di recupero di italiano.Pier Maria Furlan, il preside «Non conoscono il significato di banali espressioni lessicali, figuriamoci la loro reazione quando si inizia a introdurre nelle lezioni un gergo più scientifico».E tutto questo accade in una facoltà molto selettiva come Medicina 2 dove, nel caso di Torino, sono pochissimi i posti disponibili rispetto al numero di domande quattro volte più grande. Figuriamoci quindi in che situazione si trovano quelli che nemmeno superano l'esame di ammissione.E dobbiamo dimenticare,per mera pietas,gli avvocati che citavano il”pathe’ d’animo”? Leggiamoci questo scritto,trovato in rete: “Non ne posso proprio più. Di cosa, vi starete chiedendo? "Non lo so. Mi informo e poi ti dò la spiegazione" Non ne posso più di sentir dire e di leggere …il pantalone l'occhiale …ho visto Maria e GLI ho detto… ho incontrato Maria e Mario e GLI ho detto …e vogliamo parlare di QUANT'ALTRO???? Che non so neanche se è scritto correttamente (ma credo di sì). Ora è tutto un QUANT'ALTRO.Ma chi cavolo l'ha tirato fuori sto QUANT'ALTRO???  Giuro che nella mia vita non l'ho mai usato, nè mai lo userò!!!!  L'altro giorno quando l'ho sentito dire da mio figlio un altro po' me lo mangiavo.E lui bello come il sole mi fa:"Mamma...qui in ufficio da me è tutto un QUANT'ALTRO" Io lo so di chi è la colpa. Dei nostri giornalisti.Sia della carta stampata che di quelli televisivi.Ed anche qui mi torna in mente un altro caro amico di gioventù, fanatico dell'inglese, che studiava giornalismo."La lingua si evolve. Vuoi mettere come sia più pratico scrivere GLI (a proposito di Maria e Mario) e non "Ho detto loro"? Questo 40 anni fa...potete ben immaginare dove siamo giunti oggi. Non bastavano i vari DEFAULT, BOND, SPREAD ora abbiamo anche i CASH. Ma dico io...vi costa molto dire CONTANTI anzichè CASH???? E veniamo al perchè ho sentito il bisogno di sfogarmi. Pare che l'esimio scrittore Roberto Saviano abbia scritto nella sua pagina di Twitter QUAL E' con l'apostrofo, anzichè senza, come richiede la nostra grammatica. Ripreso da non so chi, invece di chiedere scusa per l'errore, ha difeso questa sua svista, paragonandosi addirittura a Pirandello...ah ah ah Ma la cosa più bella è il giornalista che si è preoccupato di pubblicare il tutto, ovviamente criticando aspramente Saviano. Beh...il suo articolo, intitolato "Gli strafalcioni di Saviano" inizia così: "Se lo stesso errore di grammatica lo AVREBBE fatto un giornalista, il direttore lo licenziava dopo averlo sgridato forte. Se invece lo AVREBBE fatto uno studente in un tema, la professoressa CI dava cinque dopo averlo sgridato forte" Per poi regalarci un'altra chicca con:"Pochi giorni fa, UN'ALTRO autorevole editorialista..." Mi auguro per lui, per l'articolista, che abbia volutamente compiuto questi errori, anche se...ne dubito fortemente... Ma ammesso che sia così, avrebbe dovuto virgolettare gli strafalcioni (o scriverli in corsivo) per far capire alle pignole come me che non erano veri errori, ma solo un'ulteriore presa in giro dell'autore di "Gomorra"…
Nel parlare e nello scrivere vado molto ad orecchio. E qui mi torna in mente un caro amico di gioventù, Demetrio, che come dice il suo nome è greco, che diceva che la lingua italiana è una lingua musicale. Ecco...per me l'Italiano è come una musica e quando sento una nota stonata...rabbrividisco. Avevo invece un padre, che tra l'altro possedeva una ancora più modesta licenza media, che le regole grammaticali le conosceva tutte. Quante volte mi sono rivolta a lui per sapere il perchè si dicesse così e non colà. E Babbo mi sapeva sempre dare la risposta...e quando non la sapeva mi diceva:Chi vi scrive possiede un modestissimo diploma di ragioniera e solo nostro Signore sa quanti errori commette nello scrivere. Ho sempre masticato poco di grammatica e di sintassi.
Di una cosa "banalissima"... il sentir storpiare ogni giorno di più la nostra bellissima lingua.La grammatica è claudicante. I congiuntivi sono un problema, così come il rapporto tra soggetto e verbo, tra frase principale e frase secondaria.
C’è difficoltà persino al momento di scrivere la tesi. Gli errori delle matricole ai test di valutazione stanno rivelando, infatti, tutte le pecche della scuola italiana. La crisi c’è e non è solo economica. E chi pensa che l’Italia possa sopravvivere solo investendo sulla sua cultura cancelli ogni tipo di illusione poiché il Bel Paese sta svendendo proprio quella !La constatazione diffusa è che alle superiori arrivano studenti che non hanno nemmeno le basi di una lingua corretta, ricca, articolata e piena di sfumature, capace di cogliere il reale nella sua complessità: a quel punto la battaglia sembra già persa. Aggiungo e certifico, per esperienza diretta,  che degli alunni che giungono al superiore, una buona percentuale ha problemi di semplice  lettura e scrittura!Credo che esista un solo rimedio: la lettura e l’esercizio continuo. Non è affatto vero che un bambino di sei, o di otto anni, sia inesorabilmente schiavo della televisione e dei giochi elettronici. Un bambino è una creatura plastica, trasformabile, cangiante: vuole divertirsi, muoversi, spostarsi, viaggiare nella fantasia; ed è perfettamente possibile persuaderlo che leggere Pinocchio, L' isola del Tesoro, Il libro della Jungla, I ragazzi della via Paal,è molto più divertente che stare seduti, cogli occhi sbarrati, davanti a uno schermo televisivo o a un computer. Solo che qualcuno deve persuaderlo: il padre, la madre, il nonno, il maestro, il professore, l' amico.

Se vogliamo difendere l' italiano, l' unica strada è quella di educare gli adulti:  impossibile?

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.