Che ora è ?

martedì 9 aprile 2013

“Franco Califano tra D’Annunzio e Trilussa. Poeta saltimbanco per abitare la noia e la malinconia”

Incontro di studi dedicato al Franco Califano del 
“Tutto il resto è noia”
con una Lectio Magistralis di Pierfranco Bruni sul tema:
Pierfranco Bruni: “I testi di Califano hanno una struttura fortemente poetica, la cui semantica è nel senso tragico ironico e malinconico di un linguaggio che riporta a D’Annunzio e a Trilussa. In Califano c’è la sintesi di un Novecento poetico nella sua complessa articolazione”.


La letteratura italiana del Novecento tra le parole e i linguaggi poetici. Una linea particolare e affascinante che si intreccia ad una rilettura della poesia contemporanea grazie proprio a linguaggi e a forme semantiche che danno un senso al rapporto emozione e modelli  interpretativi.
Il tema della relazione che svilupperà Pierfranco Bruni il prossimo venerdì 12 aprile al Terrazzo delle Culture di Cosenza ha un titolo, fortemente suggestivo e provocatorio, ripreso da una canzone del compianto Franco Califano: “Il Poeta e saltimbanco per abitare la noia e la malinconia. Franco Califano tra D’Annunzio e Trilussa”.

Pierfranco Bruni, attento conoscitore della poesia e dei testi dei cantautori, con numerosi pubblicazioni sul campo, ed esperto dei linguaggi della poesia mediterranea ha inserito i versi di Franco Califano in un percorso poetico originale e molto coraggioso perché parlerà, appunto, del Franco Califano, oltre la canzone e a dirla con Bruni: “Franco Califano è il poeta nella nostra contemporaneità, ovvero ’poeta e saltibanco’, come egli recita in uno straordinario testo, che ha recitato il sottosuolo delle malinconie con l’inquieto vivere dei nostri giorni tra la noia, gli attimi che troviamo nella nostra vita, la malinconia, l’amore e il disamore in un costante minuetto di ricordi. È il poeta della mia Roma universitaria ma anche della Roma della maturità”.
Con questa cesellatura Bruni ha messo insieme già alcuni titoli dei testi di Califano.
“Mi sono posto, in questi anni, in una riflessione che è quella del rapporto tra il testo poetico e il testo di una canzone. Da Di Giacomo a ad Alfonso Gatto ci sono testi che hanno la stessa forza semantica e linguistica di una linea che va da Luigi Tenco a Franco Califano”.
“Franco Califano, ha aggiunto Bruni, ha recitato non solo la noia e la malinconia ma ha saputo raccogliere in un gioco di ironie un pirandelliano tragico umorismo che è quello del poeta e del saltimbanco. Ecco perché insisto nel portare avanti una poesia che va oltre l’accademia ufficiale. Califano è un poeta e come tale va considerato. Un poeta maledetto in quella visione baudeleriana, prevertiana, alla Boris Vian. Parlerò di Califano tra la lezione di D’Annunzio e la bellezza dell’ironia amante di Trilussa”.
L’incontro di studi si prevede stimolante e Bruni che, come sempre, con testi alla mano, e senza reticenze critiche, traccerà dei profili autentici di un Novecento altro nella nostra contemporaneità. La manifestazione è organizzata dal Sindacato Libero Scrittori Italiani.

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.