Che ora è ?

martedì 30 ottobre 2012

CLARETTA PETACCI NEI 600 GIORNI DI SALO’: L’AMORE IL FASCISMO LA TRAGEDIA

Pierfranco Bruni, Mariangela Chiedo,
Tonino Filomena nel corso
della presentazione del romanzo
Presentato  a Maruggio il romanzo di Pierfranco Bruni: Claretta  Petacci: la donna del Duce, con una vivace e attenta discussione  che ne hanno decretato il successo della serata.


Un pubblico attento che ha partecipato con interesse agli stimoli, alle provocazioni e agli spunti offerti dalla discussione nata sulla presentazione del romanzo di Pierfranco Bruni: “Passione e morte. Claretta e Ben” (Pellegrini) nella sala gremita della Biblioteca comunale di Maruggio – Taranto. Si è discusso di Claretta Petacci e quindi di Benito Mussolini e di Fascismo. In fondo il romanzo di Bruni si focalizza su Mussolini e Claretta Petacci. Una storia d'amore nella tragedia dei giorni di Salò. Si possono condividere le uccisioni ideologiche?  
In occasione del Centenario della nascita di Claretta Petacci (1912 – 1945), uccisa accanto a Benito Mussolini, e a 90 anni dalla Marcia su Roma, Pierfranco Bruni ha presentato il suo ultimo romanzo “Passione e morte. Claretta e Ben” (Pellegrini editore), con la relazione storica e letteraria di Tonino Filomena.
Lo scrittore ha dialogato, sia sul romanzo che sul contesto storico nel quale Claretta visse, sia con lo storico Tonino Filomena e l’Assessore alla P.I. del Comune di Maruggio Mariangela Chiego, in rappresentanza dell’Amministrazione Comunale sia con il pubblico che ha articolato una serie di domande all’autore del romanzo. La manifestazione ha avuto il  patrocinio del Comune di Maruggio e del Centro Culturale “Berto Ricci”.
La relazione di Filomena ha aperto una vastità di stimoli sia umani che storici recuperando anche la figura centrale di Rachele Messolini e della sua importanza nella vita del Duce ponendo interrogativi forti allo scrittore inerenti il rapporto tra Claretta e Rachele.
Un romanzo che ottiene sempre più successo e apre modelli di dialettica sia sul piano letterario che su quello storico, tanto che, recentemente, Rai Uno ha dedicato una intera puntata de “L’Appuntamento” di Gigi Marzullo con studiosi come Gabriela La Porta, Mirella Serri e Grazia Attili.
Ma cosa è questo nuovo libro di Pierfranco Bruni che tanto fa discutere?
È un romanzo che racconta la passione, l’amore, la tragedia, la morte di Claretta Petacci, l’amante di Benito Mussolini. La donna con la quale condivise gli ultimi angoscianti e terribili giorni e le ore della fine del Fascismo di Salò. Il rapporto tra la passione di Claretta e Benito, la tragedia dei 600 giorni di Salò e Piazzale Loreto è, comunque, strettamente dentro le pagine di Bruni con una percorso che ha delle valenze fortemente narrative e poetiche.
Il romanzo porta sulla scena la figura di Claretta soprattutto nei giorni di Salò, ma viene ad essere filtrata attraverso un racconto che si dipana tra la storia, la meditazione e l’immaginario. Già nel 1996 Pierfranco Bruni aveva pubblicato un breve racconto dedicato a Claretta Petacci dal titolo: “Claretta e Ben. Il mio amore è conte”, ma in “Passione e morte” si ricontestualizza il tutto e si ricostruiscono scenari e particolari completamente nuovo a cominciare dal suo dialogo con il padre, dal suo viaggio a Giulino di Mezz’egra e delle lettere immaginarie.
Lo scrittore è come se si lasciasse trascinare dal racconto del padre che ha vissuto la stagione del fascismo ed è stato partecipe degli anni in cui il fascismo trionfò nel consenso di un’Italia che è diventata antifascista soltanto dopo il 25 luglio del 1943.
Ma non si tratta di un libro di storia. È un romanzo articolato all’interno di un diario che propone interpretazioni e letture. Il romanzo si apre con l’incontro tra lo scrittore, il padre e la madre che dialogano; segue un capitolo che è soprattutto una passeggiata tra i luoghi dove Mussolini e Claretta vennero uccisi, ovvero di Giulino di Mezzegra.
Il cuore del romanzo, comunque, si incentra sul rapporto, appunto, tra Claretta e Benito. Le ultime pagine hanno una marcata liricità. Infatti è nei capitoli finali che campeggiano le lettere immaginarie scritte da Claretta a Benito e viceversa, le quali si aprono ad una discussione a tutto tondo tra la vita e l’amore. 
Un romanzo che in poche settimane ha fatto molto discutere e ha ottenuto uno straordinario successo, giungendo alla seconda edizione, con un interesse critico che ha scavato tra le pagine vite che raccontano gloria, tragedie, conformismi e morte. Il romanzo si apre a ventaglio sul piano del narrato ma pone una riflessione sulla questione dei valori condivisi.
Il romanzo sarà elemento di discussione in diversi convegni che si svolgeranno tra novembre e dicembre in tutta Italia. Il 19 novembre a Napoli si parlerà di Claretta e le donne del Duce mentre per dicembre a Lecce è fissato un interessante incontro con Pierfranco Bruni che parlerà di “Claretta, Edda Mussolini Ciano, Luisa Ferida, Doris Durante”.

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.