Che ora è ?

venerdì 26 ottobre 2012

Un successo per le mostre di Casa Vestita alla terza edizione di Bitrel


Mostra fotografica Festa Grande di Ciro Quaranta
Festa grande e Sacralità domestica a cura di Simone Mirto e Mimmo Vestita esposte all’interno del Salone Vie Sacre del Sud fino a domenica 28 ottobre a Foggia
“Sicuramente il visitatore che uscirà dalla Bitrel quest’anno tornerà a casa incuriosito da Grottaglie, è scritto con le parole, le immagini e testimoniato dalla ceramica che da noi la religiosità è stratificata nel tempo: dall’artigianato alla devozione”. Con queste parole l’archeologo Simone Mirto ed il ceramista Mimmo Vestita, commentano il loro primo ingresso alla Borsa Internazionale del Turismo Religioso con le due mostre promosse nell’ambito del progetto di Casa Vestita, volte alla promozione dell’artigianato fittile grottagliese.
Mimmo Vestita, curatore delle mostre,
Federico Massimo Ceschin, ideatore
e coordinatore del Salone Vie Sacre e
Monsignore Francesco Pio Tamburrino,
Arcivescovo di Foggia

Tante le persone appassionate che stanno invadendo lo stand dell’editore Claudio Grenzi, al Salone Vie Sacre del Sud (a Foggia fino a domenica 28 ottobre) all’interno del quale sono esposte Festa Grande e Sacralità domestica.
Claudio Grenzi, editore e
Silvia Godelli Assessore al Mediterraneo,
Cultura e Turismo della Regione Puglia

Gli scatti di Ciro Quaranta raccontano ai visitatori gli aspetti religiosi ma soprattutto civili della festa cittadina per eccellenza, dalle bande da giro agli artigiani delle luminarie che con il loro funambolico lavoro innalzano cattedrali di luci per le celebrazioni in onore del santo patrono. E poi le statuette votive databili tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento esposte per raccontare il piccolo paradiso domestico che sacralizzava le abitazioni private meridionali fino alla prima metà del secolo scorso. Spesso collocate nelle nicchie in tufo ricavate tra le mura domestiche, venivano realizzate a mano e dipinte a freddo dai ceramisti grottagliesi nelle loro case al ritorno dalla lunga giornata lavorativa in bottega per essere vendute poi in occasione delle feste patronali nei paesi di tutta la Puglia.
Lo stand è stato voluto fortemente dall’ideatore e coordinatore del Salone Vie Sacre Federico Massimo Ceschin e dall’editore Claudio Grenzi che ha prodotto il catalogo “Sacralità domestica, santi in terracotta tra Ottocento e Novecento nella Collezione Vestita” a cura di Simone Mirto e Francesco Di Palo.

Per informazioni è possibile telefonare al numero 3291473614 o visitare la pagina facebook di Casa Vestita: http://www.facebook.com/pages/Casa-Vestita/188824704565856?
Antichi santi domestici e suggestive immagini di Ciro Quaranta raccontano gli aspetti religiosi ma soprattutto civili della festa cittadina per eccellenza (Info: 3291473614
 
 

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.