Che ora è ?

giovedì 31 marzo 2011

IMMIGRATI. CAFORIO (IDV): MAGGIORANZA DISGREGATA, SERVE DISTRIBUZIONE OMOGENA FLUSSI

 "Comprendiamo il disagio dell'ex Sottosegretario Mantovano, le sue dimissioni segnalano la disgregazione della maggioranza sotto i colpi di mano della Lega. L'operato del Governo, che ogni giorno si dimostra sempre più privo di una linea politica condivisa, potrà solo peggiorare le problematiche dell'immigrazione". Lo afferma il Capogruppo dell'Italia dei Valori in Commissione Difesa al Senato, Giuseppe Caforio, che aggiunge:
"Nulla è stato risolto dopo mesi di emergenza, gli enormi disagi causati ai cittadini di Lampedusa rischiano di ripetersi per le altre località scelte per ospitare gli immigrati. Prima di fare appello all'Unione Europea, il Governo deve andare oltre la linea Gotica: è necessaria una ripartizione omogenea, i flussi non possono essere tutti scaricati al Sud. Credo sia giunto il momento che il Governo, d'accordo con gli enti locali, metta a punto un elenco di località distribuite su tutto il territorio nazionale in cui ospitare i migranti, senza necessariamente iniziare dal solito Mezzogiorno. La stessa Manduria è stata già fin troppo penalizzata ed è evidente - conclude Caforio - che alle prossime elezioni i cittadini dovranno ricordarsi della politica inconcludente ed egoista di un Governo sotto perenne schiaffo della Lega".

3 commenti:

  1. a Giuseppe Caforio voglio aggiungere:
    si è chiesto quanti profughi arriveranno in Italia?
    Conosce il metodo di equidistribuzione?
    Conosce le norme sui piani di organizzazione nazionale?

    Secondo me è tutta politica da scartare quella del senatore Caforio.
    Spiego perché.

    Attualmente si parla di migliai di profughi sul nostro territorio. Secondo LEI (ONOREVOLE) il Governo non è a conoscenza dei dati di flusso di migrazione nel nostro paese?
    Secondo LEI il Governo doveva trasportare cinquecento profughi cadauno in altri regioni per poi il giorno dopo riportarne altri cinquecento?
    Onorevole caforio, se i profughi rimanessero solo quelli arrivati, allora potrà gridare che il governo ha sbagliato.
    Onorevole caforio, ha idea di quanti profughi dovranno ancora arrivare?

    Non si preoccupi anche le altre regioni saranno interessate.

    Secondo lei, onorevole cafforio, crede che il Governo è a pranzo servendo antipasto distribuendolo equamente?
    E’ in grado di calcolare quando spenderebbe il Governo se dovesse adottare il SUO sistema?

    Secondo LEI il Governo doveva iniziare dal nord e poi scendere al sud?
    Onorevole caforio non è questo il metodo trovi altra strada sarà più fortunato.
    Onorevole Caforio, mi faccia il piacere
    Renato

    RispondiElimina
  2. Come al solito sono un po’ sbadato.
    Lei, onorevole caforio ha fatto riferimento alla linea gotica.
    Ricorda l’offensiva della linea gotica e dove furono decise le sorti dei balcani?

    Bene! Credo che ha capito il riferimento e questa secondo me è l’inizio di una guerra fredda.
    Renato

    RispondiElimina
  3. Per Lilli

    Mi sembra di rivedere il film “NON APRITE QUELLA PORTA”

    Cosa ho fatto di male?
    Cosa ho detto nei due commenti non pubblicati?
    Perché non posso commentare sull’intervento dell’onorevole caforio?

    Se l’onorevole è nelle tue grazie, BEH! NO COMMENT!

    La mia iniziativa nel voler commentare in questo post è conseguente ad uno scambio di idee con il rispettale onorevole.

    Altri politici ho contattato nella chat e disponibili al dialogo.
    Tuttavia, è pur vero che in altri blog nazionali gli onorevoli non rispondono.
    VA BENE COSI’.
    Se è sfuggito al controllo il mio commento non chiedermi di riscrivere … non lo farò.
    Renato

    RispondiElimina

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.