Che ora è ?

mercoledì 30 marzo 2011

Ospedale San Marco, la città verso la protesta per il no alla chiusura con sciopero generale

 Il vicesindaco  Francesco DONATELLI componente dell'Anci: CONTRASTIAMO IL RIDIMENSIONAMENTO CON LA PRESSIONE POPOLARE PER INTERVENTI INCISIVI SUL PIANO ISTITUZIONALE.
“A seguito dell’assemblea civica del 19 marzo scorso per la salvaguardia dell’Ospedale “San Marco”, organizzata dal Comune di Grottaglie e da ANCI Puglia, l’Associazione “Medici per San Ciro” onlus, insieme ai comitati cittadini e in collaborazione con associazioni e movimenti locali, ha deciso di dare continuità alle decisioni emerse in quella affollata iniziativa. Si è costituito così il comitato cittadino di Grottaglie "NO ALLA CHIUSURA" che in questi giorni ha dato vita ad una grande operazione di sensibilizzazione dell’opinione pubblica cittadina di Grottaglie e dei Comuni limitrofi (scuole, parrocchie, associazioni, sindacati, commercianti, ecc.).

Importanti tappe individuate dal Comitato sono l’Assemblea del 1° aprile al Castello Episcopio e lo “sciopero” indetto per il prossimo 9 aprile.

Obiettivo di tali iniziative è quello di impedire un ridimensionamento, peraltro già in atto, dell’Ospedale “San Marco”, propedeutico alla chiusura del nostro nosocomio. Per questo è importante che il Comitato (così come sta ben lavorando) continui il suo lavoro in maniera unitaria e inclusiva di tutte le forze sociali e politiche.

L’azione deve caratterizzarsi (e di fatto così sta avvenendo) su un duplice piano: quello della pressione popolare che si traduca in azioni sul piano politico-istituzionale. In particolare il Consiglio Regionale e la Conferenza dei Sindaci allo scopo di approfondire il Piano di Riordino della Regione del 17/12/2010 apportando alcune modifiche più consone alle esigenze del territorio.

Due sono gli appuntamenti istituzionali che, anche grazie a questa mobilitazione sono già programmati: il Comitato Direttivo di ANCI Puglia del 31 marzo e, soprattutto, la Conferenza dei Sindaci convocata per il prossimo 4 aprile.”

2 commenti:

  1. Va bene la pressione popolare. Ma se vi vediamo in testa al corteo o alla manifestazione, con il consenso dei "medici per San Ciro", sarebbe una indigeribile pagliacciata propagandistica elettorale. I "medici per San Ciro" stiano pertanto molto attenti a non fare da (consapevoli o inconsapevoli) sponsor elettorali! La causa dell'ospedale di Grottaglie sarebbe già perduta in partenza

    RispondiElimina
  2. E' vero, evitare il protagonismo dannosissimo dei politici consumati. I "Medici per San Ciro" devono dissociarsi da queste iniziative così demagogiche e strumentali.

    RispondiElimina

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.