Che ora è ?

giovedì 25 marzo 2010

IL PROF. RAOUL MINETTI (Michigan University) PRESENTA A TARANTO LA SUA ULTIMA RICERCA

Interverranno Di Palma (BCC San Marzano) e Galletto (Pd). Al centro i problemi delle piccole imprese.


Venerdì 26 marzo alle ore 11 presso la Sala ex Giunta della Provincia, al IV piano del palazzo di via Anfiteatro 4 a Taranto, si terrà la conferenza stampa di presentazione di una ricerca intitolata "Credit Constraints and Firm Exports: Microeconomic Evidence from Italy - Vincoli al credito e esportazioni delle imprese: evidenza microeconomica
dall´Italia", condotta da Raoul Minetti e Susan Chun Zhu e presentata oggi al Dipartimento di Economia dell'Universita' di Bari.

Interverranno lo stesso Minetti, professore associato di economia nella Michigan State University (Usa), il Direttore Generale della Banca di Credito Cooperativo di San Marzano di San Giuseppe, Emanuele Di Palma e l´economista e candidato al Consiglio Regionale della Puglia per il Pd, Gianluca Galletto.

La presentazione dello studio, sarà il punto di partenza per sviluppare considerazioni sull´impatto dell´attuale scarsità di credito sulle esportazioni delle piccole realtà produttive in terra jonica e sul beneficio possibile proveniente da altre fonti di liquidita' come i fondi comunitari.

In questo difficile periodo di crisi l´aumento delle esportazioni di artigianato di qualità, alimentare tipico e altre produzioni locali potrebbe rappresentare una delle ricette per produrre sviluppo economico. A questo va però associata una iniezione di fiducia che renda più semplice l´accesso al credito in terra jonica, uno dei maggiori problemi che in questo momento attanagliano le piccole e medie imprese del mezzogiorno d´Italia.


IL RELATORE
Raoul Minetti è Associate Professor of Economics presso la Michigan State University, Stati Uniti, e, nel semestre corrente, Visiting
Professor presso l'Einaudi Institute for Economics and Finance di
Roma. È anche responsabile scientifico de iMille, associazione di giovani che auspica un rivoluzionario meccanismo di cambiamento e rinnovamento della politica e della società italiane. PhD in Economia presso la London School of Economics, è autore di numerose pubblicazioni scientifiche internazionali e ha recentemente contribuito al libro "Italy Today. The Sick Man of Europe" (Routledge, Londra)", gia presenato alla London School of Economics e alla New York University.

2 commenti:

  1. Dal Blog " I MILLE" ( sostenitori della campagna per Marino Presidente del PD):
    « L’onda anomala
    » Due passi nel futuro
    Congresso, Uncategorized
    Il 25 ottobre, io Marino
    24.10.09 | Comment?
    Per una politica seria, onestaPer la competenza che si fa gestionePer un’Italia che e’ stanca di commedie e vuole lavorarePer l’Italia dei giovani, del progresso, dei diritti, per l’Italia di tuttidi Raoul Minetti

    Per una politica seria, onesta

    Per la competenza che si fa gestione

    Per un’Italia che e’ stanca di commedie e vuole lavorare

    Per l’Italia dei giovani, del progresso, dei diritti, per l’Italia di tutti

    Domenica 25 Ottobre, io Marino
    §§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§
    Scopriamo che Raoul Minetti, ancorchè "economista all'americana" è stato compagno di Galletto nell'avventura del Senatore Marino alla tentata e fallita scalata della poltrona di Segretario del PD.
    Un po di onestà intellettuale e non mascherare una iniziativa politica elettoralistica per attività scientifico-culturale.
    Ci vuole tanto?
    In America si usa così?
    Ce ne siamo accorti sulle nostre tasche e sulla nostra pelle!!!

    RispondiElimina
  2. al peggio non c'è mai fine26 marzo 2010 14:48

    Minetti (che conosco personalmente) ieri è stato al Dipartimento di Economia dell'Università di Bari per presentare la medesima ricerca. All'appuntamento, visto il periodo, hanno partecipato altri candidati e nessuno ha parlato di iniziativa elettoralistica. Qualsiasi cosa si faccia da queste parti non è mai abbastanza. Volete marcire nell'ignoranza e nel rancore, seguendo il megafono di turno. Siete buoni solo a criticare. Ognuno d'altronde ha la classe politica che si merita e voi grottagliesi ve la meritate proprio. Questi comportamenti mi fanno ribrezzo e mi convincono ancora di più che lasciare questa terra sia stato quanto di meglio potessi fare. E se anche Galletto dopo questa parentesi dovesse tornare negli USA (dove lo rammento, a differenza di molti ha una carriera e un lavoro e non ha bisogno della politica per vivere degnamente) credo che farà la cosa migliore. Mentre voi continuate a scannarvi per un piatto di lenticchie rosolando nell'invidia. Goodbye Grottaglie.

    RispondiElimina

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.INFO

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.INFO
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.