Che ora è ?

giovedì 21 ottobre 2010

Giallo di Avetrana: il criminologo Mastronardi al settimanale tarantino Wemag

«COSIMA PUÒ CONSERVARE IL SEGRETO DI QUANTO ACCADUTO».
«Cosima è la corazza della famiglia Misseri. Lavora in casa e in campagna e sente su di sé il peso della responsabilità. È una figura protettiva. Sì, i suoi tratti sono compatibili con l'eventualità che
conservi il segreto di quanto è accaduto in via Deledda». Lo dice il criminologo Vincenzo Mastronardi in una intervista rilasciata al settimanale tarantino Wemag, in edicola domani.

Un profilo, quello tracciato da Mastronardi, che rende plausibile il sospetto che Cosima Serrano in Misseri abbia potuto finora nascondere la verità sull'omicidio della piccola Sarah Scazzi. Il criminologo si è soffermato anche sugli aspetti della comunicazione non verbale dei principali personaggi del giallo di Avetrana. Particolarmente  interessanti le sue osservazioni su Sabrina, della quale proprio proprio stamattina il giudice per le indagini preliminari Martino Rosati ha confermato la custodia cautelare in carcere. Dice infatti il  criminologo: «Sabrina ha una personalità forte, narcisistica, sa gestire le situazioni molto meglio del padre e della madre».

Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.