Che ora è ?

giovedì 21 ottobre 2010

L'avv. Chiaramaria Anastasia motiva per iscritto le sue dmissioni da presidente 1° COMMISSIONE


Innanzi tutto ringrazio il vice Presidente della I Commissione e tutti i Commissari della stessa per la stima mostratami per aver respinto le mie dimissioni da Presidente presentate oralmente in Consiglio comunale in data 30.07.2010 e poi confermate per iscritto.
Le motivazioni le conoscete in quanto ho provveduto ad inoltrare ad ognuno di voi l’atto di verifica contabile.-amministrativa che la Ragioneria Generale dello Stato ha fatto pervenire a questo Ente, atto mai trasmesso dall’amministrazione ai Consiglieri Comunali.
I rilievi e le criticità contenute in detto atto erano tali e gravi tanto da costringermi a rassegnare le dimissioni da Presidente della I Commissione consiliare che ho avuto l’onore di presiedere, per sollecitare l’amministrazione a dare seguito a quanto richiesto dalla Ragioneria Generale dello Stato e dunque ad adottare concrete misure  in rettifica delle criticità e delle irregolarità ivi rilevate.
Successivamente, a seguito della verifica, è intervenuta anche nota della Corte dei Conti sulla quale non mi soffermo per brevità.
Mi è stata trasmessa, solo qualche giorno fa  e “ per conoscenza”, la nota con la quale l’Amministrazione Comunale ha voluto rispondere ai rilievi della Ragioneria Generale dello Stato.
In detta nota l’Amministrazione Comunale ha ritenuto di dover giustificare e rimediare alla situazione di criticità evidenziata mediante alcuni rilievi ed alcune economie in termini di spesa del personale, indicate dettagliatamente in detta nota.
Fatta questa breve, seppur necessaria premessa, poiché la scrivente non ritiene concrete ed idonee le misure da apportare né le motivazioni a sostegno, così come indicate dall’amministrazione scrivente, e poiché non si ritiene in linea con l’operato della Giunta Comunale, considerato ancora che pur avendo, in più occasioni, sia quale consigliere singolarmente che unitamente al resto della maggioranza, evidenziato problematiche a cui l’amministrazione è rimasta “sorda” Si vede costretta, suo malgrado, a confermare le Dimissioni da Presidente della I Commissione Consiliare Permanente del Comune di Grottaglie così come già presentate.
Ringrazio tutti i commissari, sia di maggioranza che di minoranza, per il prezioso apporto dato alla discussione di argomenti importanti che, il più delle volte, ha portato all’emanazione dei provvedimenti con voto unanime ( es, regolamento istituti partecipazione popolare e referendum consultivo, nascita Commissione Consiliare Permanente sulle Pari-Opportunità, ecc.).

Ringrazio ancora di cuore per la preziosa collaborazione ai lavori della suddetta Commissione: il Dott. Rizzi e la Dott.ssa Galeone.
firmato
avv. Chiaramaria Anastasia
consigliera comunale Pd

1 commento:

  1. non piangete la sua assenza.
    resterà sempre di sinistra.
    Renato

    RispondiElimina

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.