Che ora è ?

giovedì 14 aprile 2011

E dopo un parto sofferto Ciro Gianfreda è il candidato sindaco del Pdl: era ora!


Oh mia Santa Liberata, fa che dolce sia l'uscirta, come dolce fu l'entrata, oh mia Santa Liberata !
"A tale espressione di Papa Galeazzo la Marchesa non seppe trattenere il risoall'urlo del quale, gli si aprirono le acque, il bambino subì il moto del rivolgimento naturale e prima ancora che la stessa signora  si accorgesse, venne giù felicemente il Marchesino"
ECCE HOMO ! 
Non trattasi di Gesù flaggellato, ma delIo stimato, quanto preparato, sia professionalmente, che amministrativamente ingegner Ciro Gianfreda !
Ciro Gianfreda è certamente uno di noi, perfettamente integrato, non viene dalle 100  Masserie di Crispiano o dalla Capitale, non è finanziato dalle discariche,  non  è piovuto dall'alto, ma è stato scelto dalla base, felicemente coniugato,  splendido padre, non distribuisce Santini Pubblicità, non ha finanziato per 20 anni 130 associazioni, non ha mai chiesto di edificare case in zone agricole,  non ha cambiato i vetri alle parrocchie,  al contrario, ha cercato di imporre un vincolo idrogeologico sul III lotto della discarica,  per evitarne la apertura,si è sempre battuto  per una corretta pianificazione 
del territorio,  ed è  certo, che usando del valore aggiunto del personale del Comune, con grandi potenzialità inespresse e qualche volta in Mobbing, si può fare a meno del Direttore generale, dell'addetto stampa, del Segretario del "Gabinetto" del Sindaco, del Responsabile dell'Ufficio Urbanistico, con un risparmio annuo per le casse Comunali e per i portafogli dei suoi concittadini, di circa 250.000,00 euro.
Se pur  è stato un parto difficile, l'Ing.Gianfreda è l'espressione della intellighentia dei sistemi dinamici delle conoscenze, che avvertono la esigenza del cambiamento e quindi finalmente si aggregano, rappresentando, con l'allontanamento della autoreferenzialità, finalmente un sistema rappresentativo di partecipazione alla gestione della cosa pubblica ! 
Finalmente a Grottaglie si è verificata la stura della migliore POLITICA, la manifestazione della RES PUBBLICA ed il tutto nei limiti fissati dalle leggi, che la precedente amministrazione ha proditoriamente eluso !
L'univa volta che Grottaglie ebbe a ribellarsi fu nel lontano 17 novembre del 1862 allorquando, capeggiati da tale De Fazio Cosimo "Pizzichicchio" di San Marzano, nulla da spartire con gli attuali aministratori provinciali, partecipò 
unanime alla rivolta.
Tale episodio storico, seppur datato nel tempo,  ha dimostrato che comunque i Grottagliesi non sono un popolo imbelle ed è proprio la presenza di una pletora di liste civiche a confermare che ci troviamo, come non mai, in una fase  di ESIGENZA ETICA, con delegittimazione  dei partiti.Comunque  non si può generalizzare e fare di tutta l'erba un fascio (la gramigna e l'oglio non sono uguali al grano),infatti  malgrado la opposizione qualificata dell'ing. Gianfreda e del sottoscritto, sono stati consumati dalla uscente amministrazione  degli sperperi inenarrabili 
Non si può in sintesi,  in modo generalizzato, in una sorta di PENSIERO GIACOBINO, che accomuna dilapidatori delle risorse pubbliche (1.800.000,00 Euro di ROYALTY all'anno, che in 20 anni rappresentano entrate per 36 milioni di 
euro, altro che Liceo)  con qualificati Consiglieri Comunali, che hanno sempre saputo denunziare ed accusare la spendita di ingenti capitali.
Capitali, che si sono dissolti anche nella attribuzioni di incarichi a professionisti esterni (500.000 euro per il 2010) o a piazze di dubbio aspetto, basti pensare che il PUTT è costato circa 200.000,00 euro ed è riuscito anche a rimuovere alcuni vincoli  su alcuni  terreni  di Torre Caprarica, tranne che per l'insediamento del "PRESIDIO CONTRO LA DISCARICA"
A proposito  di ROYALTY, tale termine, etimologicamente indica il pagamento di un compenso al titolare di un brevetto o una proprietà intellettuale ed è quindi per questo che insieme alle ROYALTY sono stati finanziati tutti i 
partiti del Centro Sinistra (vedere per credere la Sentenza di assoluzione della Professoressa Etta Ragusa).
Non solo immoralità nella gestione, ma inefficenza nella tutela dei lavoratori, 24 posti persi alla GEA (casa di Riposo), 21 posti persi con la chiusura della Piscina Comunale, 9 posti persi per la assegnazione dell'asilo ad una associazione di imprese anche di Brindisi , non  esatta determinazione delle ore di sostegno ed assenza dell'educatore sanitario per i bambini diversamenti abili (sono state perse delle cause, per tali gravi manchevlezze del Comune nei confronti delle categorie più deboli), non corresponsione dell'assegno di cura per l'asistenza domiciliare, ingiustificato  accantonamento di somme per i PIANI DI ZONA  in favore di categorie protette,  quali  poste attive  in bilancio, dove si sono registrate ripetute  violazioni del patto di stabilità.
Centro Servizi per l'Agricoltura, abbandonato, all'entrata di Grottaglie, in un pantano sia topografico, vi è infatti un acquitrinio, che giudiziario, e che è già costato alla Comunità circa un milione di Euro
L'ospedale di Grottaglie, nonostante i facoltosi lasciti della Famiglia La Sorte ed Orlando, che ne determinarano la apertura, certamente chiuderà e ciò solo e soltanto perchè Grottaglie è privo di qualsiasi autorevole referente 
Politico. 
Allora ! 
Allora vi dico che chi ha sbattuto la porta ed è andato via dal Partito, non solo ha dato la stura ad una nuova politica, facendo aggregare al Partito energie migliori e certamente nuove, sia in età che prestigio, ma quel che più conta, bisogna pur dirlo, andandosene, ha ammesso implicitamente di non  avere  la autorevolezza per governare una realtà così complessa come la Città di Grottaglie, quindi in definitiva, chi è scappato, non è convinto di farcela, ma è certo, esattamente del contrario e con la fuga, preserva le posizioni comunque acquisite, anche grazie alla ingenuità di qualche sprovveduto come il sottoscritto!
In conclusione, non puo' sprecarsi il voto del CAMBIAMENTO, così che ad un detrattore che mi ha scritto una lettera aperta, rispondo soltanto che Platone, riferiva che "...la educazione è anche divertimento ..." lo stesso quindi potrà continuare a divertirsi, mentre Noi cerchiamo di amministrare in modo partecipativo la vera rivoluzione democratica in atto a Grottaglie.
Rimanendo quindi in attesa di conoscere se i finanziamenti sopra citati siano stati regolarmente contabilizzati e denunziati, rimanendo in attesa di risposta alle mie interrogazioni se alcuni richieste per permessi ad edificare siano  amministrativamente corretti, trovandoci in periodo Pasquale, sarcasticamente, consentitemelo, a qualche ulteriore detrattore riferisco ed affermo che certamente "GLI ULTIMI SARANNO I PRIMI"
Cosa vuol dire ?
Si è vero, siamo stati gli ultimi  a qualificare il nuovo assetto poltico  delle amministrative prossime, ma certamente per la qualità  etica della componente soggettiva ed oggettiva del Candidato Sindaco, nella persona dell'Ing. Ciro Gianfreda,  auspico di  vero cuore,   che comunque saremo i primi per preparazione e  competenza, comunque vadano le cose!

A cura del Consigliere Comunale del PDL

 AVV. Michele Mirelli

4 commenti:

  1. Bè se il signor Gianfreda, dopo 10 anni di consigliere comunale, può fare il Sindaco di Grottaglie allora io posso fare il Presidente della repubblica Italiana, caro Michele...mi vuoi far credere che il Gianfreda sia più competente di te? e che solo per l'età più gioavne di te possa candidarsi a Sindaco?
    Michele ci vuoel anche un po' di coraggio, pensi di stare alle sue spalle? Caro Ciro ma in cuor tuo pensi di essere capace a fare il Sindaco? davvero? a tanto arriva l'animo umano?
    avguri.

    RispondiElimina
  2. Se Ciro Gianfreda è la risposta del PDL al transfuga Michele Santoro, vuol dire che non si è capita la domanda. E' chiaro come il sole che il centro-destra grottagliese, e il PDL in particolare, anche in questa tornata elettorale ha deciso di passare la mano. Azzardo un pronostico: ballottaggio tra Lacorte e Alabrese.

    RispondiElimina
  3. la sensazione dello spettatore del film sulle future elezioni grottagliesi in programmazione nel nostro Comune è che a sinistra non si sono messi d'accordo e si sono divisi, a destra sono stati capaci di fare anche peggio, nella sceneggiatura ci hanno messo dei personaggi secondari che servono giusto a colorare la trama del film,ma non sono determinanti a dare alla fine della visione del film un ricordo o un giudizio positivo... quindi se devo dare un mio voto è un bel 4= sopratutto per la capacità di tutti i candidati sindaci di aver fatto piazza pulita attorno alla propria candidatura, determinando una vero terno all'otto a chi andrà al ballottaggio, e probabilmente a causare una conduzione del condominio di Grottaglie poco effecace nei confronti dei suoi condomini...sic!!!!!

    RispondiElimina
  4. Se dovesse vincere Alabrese cambierei paese! che amarezza!

    RispondiElimina

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.