Che ora è ?

mercoledì 13 aprile 2011

E sempre sull'aeroporto di Grottaglie parla il consigliere Sala Pdl

’Lasciate ogni speranza – di volare da Grottaglie – o voi che parlate’.
Oggi si è finalmente tenuto a Bari, presso la Regione Puglia, l’incontro sul futuro dell’aeroporto di Grottaglie al quale hanno partecipato l’assessore regionale ai Trasporti Minervini, la commissione regionale Trasporti, i consiglieri regionali e i rappresentanti del territorio jonico, enti e istituzioni: sindacati, Provincia, comuni di Grottaglie, Monteiasi e Taranto e l’associazione TarantoVola.
Ha partecipato all’incontro anche l’ingegnere Domenico Di Paola, da molti anni amministratore delegato di Aeroporti di Puglia, il vero deus ex machina di tutto quello che è accaduto negli aeroporti pugliesi nel recente passato.
Devo innanzitutto registrare la grande disponibilità dell’assessore Guglielmo Minervini che ha dimostrato di aver compreso appieno l’importanza che il ‘Sistema Taranto’ può avere, se ne venissero sfruttate appieno le enormi potenzialità, per l’economia di tutta la Puglia, non solo per quella del nostro Territorio; l’assessore Minervini ha altresì compreso che, affinché questo si realizzi, è indispensabile che si infrastrutturi adeguatamente la nostra area, in primis realizzando un sistema di collegamento porto-aeroporto.
Dall’altra parte registro con grande rammarico, l’assoluto pressappochismo dell’amministratore di Aeroporti di Puglia, ing. Domenico Di Paola, che ha risposto in modo evanescente alle numerose istanze a lui rivolte dai rappresentati politici e istituzionali dell’area jonica: il comportamento di Domenico Di Paola ha dimostrato, laddove avessimo bisogno ancora di conferme, che lo stesso è intenzionato in futuro a rinforzare solo ed esclusivamente gli interessi dell’aeroporto di Bari.
D’altronde, basta analizzare i risultati conseguiti in tanti anni dalla ‘gestione Di Paola’ di Aeroporti di Puglia: a Bari è stato realizzato un importante aeroporto internazionale al posto della vecchia fatiscente aerostazione-voliera per uccelli, e Brindisi è stato trasformato nello aeroporto dell’intero Salento su cui fare convergere l’utenza di Lecce e di Taranto.
Allo stesso tempo gli aeroporti di Grottaglie e di Foggia sono stati penalizzati nelle loro legittime istanze annullandone scientificamente le potenzialità. Penso, per esempio, alla possibilità dell’aeroporto di Foggia di avere i voli del ‘turismo religioso’ diretto a San Giovanni Rotondo, o penso ai charter dei turisti diretti a Castellaneta Marina che, come denunciato recentemente dall’associazione Taranto Vola, sono stati ‘dirottati’ altrove.
Io ritengo giusto che Bari sia l’aeroporto internazionale di riferimento della Puglia, ma questo non può avvenire a danno delle legittime aspirazioni dei singoli territori, soprattutto quelle di far operare a compagnie specializzate voli charter funzionali allo sviluppo turistico di Taranto e Foggia.
L’aeroporto di Grottaglie, inoltre, non può più essere penalizzato nel suo ruolo strategico di aeroporto di quel ‘Sistema Taranto’ che, con lo sviluppo del più grande hub portuale già finanziato dal CIPE, vede nello sviluppo della logistica per il trasporto di merci l’unica autentica opportunità per affrancare in futuro l’economia del nostro territorio dalla monocoltura industriale siderurgica”

2 commenti:

  1. Quello di Grottaglie rimane "aeroporto cargo" e a me non dispiace. stiamo a pensare all'inquinamento di una discarica controllata e non pensiamo all'alto inquinamento che l'apertura dell'aeroporto di Grottaglie porterebbe a Grottaglie ed ai paesi limitrofi. inquinamento che sarebbe acustico (immaginate il rumore degli aerei sulle nostre silenziose e rilassanti campagne) e dell'aria, fino ad ora respirabile. Non lottate più per far diventare il nostro un aeroporto civile. Lasciateci nella nostra quiete. Quando vorremo volare ci recheremo a Brindisi o a Bari.

    RispondiElimina
  2. Sono un'agente di viaggi della provincia di Taranto, e vi dico che tantissime persone, grazie ai voli low cost prendono tanti aerei per raggiungere Milano e Roma, spendendo spesso tanto e inquinando tantissimo per raggiungere Bari e/o Brindisi, con mezzi propri oppure...nulla (si infatti,Taranto è collegata malissimo con gli aeroporti, si pensi che c'è solo una navetta Taranto-Bari solo di mattina, e Brindisi???? NIENTE!).

    Già questo, compensa l'inquinamento dovuto anche a pochissimi voli. L'ideale sarebbe un volo per Roma e uno per Milano.

    SAluti
    Francesco

    RispondiElimina

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.