Che ora è ?

mercoledì 13 aprile 2011

APERTAMENTE: è finita l'era del "do coglio coglio" dal 17 maggio in poi chi sbaglia paga!

Solo uno/a la potrà indossare!
Grottaglie - 21 liste per 8 candidati Sindaci che corrono per una poltrona, per  24 scranni consiliari, per  7 assessori e per un presidente del Consiglio comunale.
Al momento un esercito di ben 487 candidati per 24 posti in Consiglio più 8 candidati Sindaci, uno di questi diventerà Sindaco e i restanti sette  nella maggior parte non diventerà nemmeno Consigliere comunale, una corsa pazza per la gestione del potere politico che non sarà facile alla luce dell'imminente federalismo che cambierà molte regole e fare l'amministratore non potrà più essere affidato all'improvvisazione e al do coglio coglio!
Ormai manca poco alla presentazione delle liste per le Amministrative del 15 e 16 maggio 2011, sabato prossimo 16 aprile, entro le ore 12, tutte le liste in coalizione con i loro relativi candidati sindaci, dovranno essere consegnate nella mani del segretario generale  del Comune, nel caso di Grottaglie al dottor Spagnulo.
Già da lunedì le prime cartelle contenenti simboli di partiti e movimenti con la prima bozza di liste di candidati sono state consegnate e sulla scrivania al primo piano della segretario, cominciano ad accatastarsi i fascicoli.

Ormai si è perso il conto dei candidati sindaci che si moltiplicano a vista d'occhio, non c'è giorno in cui non ne esca uno, sia in forma ufficiosa che ufficiale. In poche parole siamo alle barzellette amare.
Intanto i candidati Sindaci certi sono: per il centro sinistra dilaniato c'è Ciro Alabrese candidato sindaco della coalizione "Grottaglie Oltre" una coalizione di 7 liste ( Pd, Idv, Udc, Io Sud, Api, Cattolici per il sociale e Ambiente e Lavoro), Vincenzo Lacorte per una coalizione di tre liste ( Sel, Federazione della sinistra e Grottaglie Città futura) questa candidatura è certamente la più democratica in assoluto in quanto è sortita da una consultazione popolare, le primarie.
Poi di seguito due candidati sindaci provenienti da due liste civiche ( Sud in movimento e  Rinascita Civica) che in  prima battuta erano partiti insieme nella stesura  di un programma condiviso e nella convergenza su un unico candidato, ma dopo un percorso condiviso le strade si sono divise ed ognuno ha espresso il suo candidato sindaco con programmi quasi fotocopia. Quindi per Sud in Movimento il candidato è Ciro D'Alò supportato dalla stessa lista Sud in Movimento ed un'altra lista Ri Generazione ed Etta Ragusa supportata dalle liste di Rinascita Civica e Città attiva.
Sul versante centro destra  l'elencazione la voglio cominciare dalla coda  e cioé dall'ultima arrivata  e se vogliamo frutto di una rivalsa sterile   di alcuni personaggi locali che dopo aver arrecato non pochi danni in giro,  hanno partorito una  donna candidata Sindaco,  una persona per bene, (senza ombra di dubbio! ndr),  la  Ester Delli Ponti, all'annuncio di tale nome  c'è stato lo stupore generale in quanto in molti si sono chiesti  come mai gente così stimata si faccia strumentalizzare  facendosi  supportare  da una lista organizzata last minute Civiltà e Libertà, ma si sa le campagne elettorali pullano di improvvisati della politica che sistematicamente a urne chiuse, dopo aver incassato magri successi  se ne tornano buonini buonini alle loro mansioni principali, con un unico risultato aver contribuito, come in questo caso,  alla confusione e alla frammentazione dell'offerta politica. Sempre sull'onda delle candidature solitarie c'è quella dell'ingegnere Luigi De Filippis, persona di spessore che con molta pazienza in questi mesi si è messo in evidenza fin dal novembre scorso per farsi conoscere ed apprezzare e sarebbe stata la persona giusta nel centrodestra su cui far convergere l'intero centro destra per fronteggiare il centrosinistra spaccato, vane sono state le varie azioni, in quanto il morbo contagioso dell'autorefernzialità non ha permesso nemmeno  che si concretizzasse il terzo polo, quindi una terza via d'uscita e meno che mai  in una convergenza del centro destra unito.
Quindi Fli alla fine dei giochi va solo con il candidato sindaco Luigi De Filippis. Veniamo alla questione casa della libertà ormai in macerie, La Destra stufa del tira e molla di Michele Santoro e Ciro Gianfreda sì e Ciro Gianfreda no, ha lanciato il suo candidato sindaco nella persona di Cosimo Lombardi, quest'ultimo pronto a tirarsi indietro se il Pdl finalmente ufficilaizza il suo candidato sindaco che tra l'ufficale e l'ufficioso, dovrebbe essere Ciro Gianfreda, dopo che di nomi ne sono girati a iosa, compreso quello della sottoscritta.
Infine c'è Michele Santoro che dopo l'ultima umiliazione del ministro Fitto che pur stimandolo gli ha chiesto un passo indietro e quindi di rientrare nel Pdl con le sue due liste ( Grottaglie prima di tutto e Insieme per Grottaglie) con un candidato sindaco tipo Ciro Gianfreda. Ovviamente Santoro ha girato i tacchi e se n'è andato e ecco un  altro candidato sindaco nella costellazione di centro destra.


Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.