Che ora è ?

martedì 5 aprile 2011

Cosimo Lombardi: Grottaglie, il Centro destra e Michele Santoro

Puntuale come il cambio di stagione, magari fuori stagione, ad ogni competizione locale si ripropone il dilemma: Michele Santoro o non Michele Santoro?
 Premetto che Michele Santoro è una risorsa, non un problema del centrodestra grottagliese ed anche della provincia jonica. 
Questo a scanso di equivoci. Detto questo, non si può negare che Michele Santoro, talvolta, è ingombrante e … forse pretenzioso. Eccessivamente pretenzioso.

Tralasciando le pregresse elezioni comunali, partiamo, con il nostro ragionamento, dalla scorsa competizione elettorale per il rinnovo del Consiglio regionale. Ci fu  un accordo tra i maggiorenti  del P.d.L. locale, in base al quale Michele Santoro, dopo quella tornata elettorale,  si sarebbe impegnato a  lasciare libero il campo nelle elezioni comunali. 
Evidentemente il buon Michele Santoro contava sul suo transito in via Capruzzi a Bari. Tuttavia, quando il diavolo fa le pentole non fa i coperchi. Santoro fu il 2° dei non eletti, risultato insufficiente per il biglietto per Bari. Probabilmente chi gli aveva garantito  sostanziosi  pacchetti di voti aveva  esagerato. Probabilmente da una parte e dall’altra ci era stato un errore di valutazione. Onde, forse deluso, forse tradito, forse non sazio, forse chissà,  il nostro Michele  ha deciso di ritentare la scalata a Palazzo di Città. Nella opposizione del partito a questo suo desiderio, ecco venir fuori “Grottaglie prima di tutto” un clone della Fittiana  “La Puglia prima di tutto”. Eccoci ad oggi: con  il PDL  ancora alla ricerca del suo candidato sindaco, con Michele Santoro pronto ai blocchi di partenza, modestamente pronto anch’io con “La Destra”  ( con un sostanzioso apporto di una lista civica di uomini e donne provenienti dal mondo del centrodestra. 
Una lacerazione? Una frattura ? No! 
Semplicemente  primarie nel centro destra. Primarie serie, con tutte le garanzie di legge. 
E che vinca il migliore. 
In democrazia funziona così! 
Chi tra i candidati sindaci della nostra area prevarrà competerà, con l’appoggio di tutti gli altri, nel ballottaggio contro  il candidato sindaco prevalente in campo avverso! Fantasie le mie? Sogni? Forse! In fondo anche altri avevano un sogno. Che si è avverato.  
E che vinca il migliore, MA CHE, SOPRATTUTTO, VINCA GROTTAGLIE!!! 
Cosimo Lombardi
 Candidato Sindaco de “LA DESTRA”

17 commenti:

  1. caro sig.Lombardi,
    quando arrivera'e imparera' a dialogare cogli anonimi, rispondero' al cumulo di parole che lei ha postato.

    Non pensi a Santoro, pensi a lei!

    RispondiElimina
  2. Cosimo Lombardi5 aprile 2011 12:45

    ... Penso a Grottaglie ... ed all'unità del centrodestra.

    RispondiElimina
  3. mi commuovo leggendo che lei pensa a Grottaglie e all'unita' del centro destra,,,,,pensi a lei invece e non dia giudizi sugli altri.
    E' scorretto!!

    RispondiElimina
  4. A proposito non ha ancora svelato,sig.Lombardi, il mistero se e' avvocato o dottore in giurisprudenza.....

    RispondiElimina
  5. Nemmeno un bambino scriverebbe queste cavolate.
    Sig, dott. prof. lombardi, dicono bene alcuni anonimi

    ognuno cerca la sua torta.

    Mi piace tanto pippo baudo!
    anch'io voglio la torta.

    segue commento serio:
    sig. lombardi non faccia la fesseria di viaggiare da solo, coalizzatevi è meglio per tutti.
    Renato

    RispondiElimina
  6. cosimo lombardi5 aprile 2011 20:25

    ... ma non si è capito dai miei interventi che voglio l'unità del centro destra, naturalmente con convergenza su di un nome condiviso e gradito a tutti ???
    Possibile che io abbia perso il dono della chiarezza?

    RispondiElimina
  7. Invece di criticare gli altri dica cosa vorrebbe fare lei di concreto per Grottaglie. Ai cittadini non interessano le critiche.. Ah, dica anche in che modo intende farlo, perchè come lei ben sa... dal dire al fare c'è di mezzo... il bene dei cittadini.

    RispondiElimina
  8. Cosimo Lombardi6 aprile 2011 07:57

    ... Ogni cosa al suo tempo, mio caro chissà-come-ti-chiami-tu, ogni cosa al suo tempo :-)

    RispondiElimina
  9. ogni cosa al suo tempo? e vedrai allora quanti voti prenderai......

    RispondiElimina
  10. TANTO TUONO' CHE SONO STATI BLOCCATI I COMMENTI.

    Come mai?

    RispondiElimina
  11. Quando si tarscende in volgarità e si scende nel personale meglio chiudere i commenti!
    Tutto al fine di condurre il dibattito nei canoni legali e della buona educazione che purtroppo è dote ormai rara e preziosa.

    RispondiElimina
  12. Cara lilli,
    se dobbiamo fare gli ipocriti va anche bene, se per una volta dobbiamo dire il vero, la cosa cambia.
    Io mi sono letto i commenti che ci sono e devo dire che volgarita' o altro di simile non ce ne sono.
    C'e' invece, da parte di lombardi un po' di spocchia,secondo me(anche questa si chiama volgarita?) nel rispondere: prima la questione degli anonimi....
    poi il non rispondere sul titolo(avvocato /dottore) come se un cittadino non possa chiedere questo..... poi il dire ad un anonimo che non gli spetta il titolo di signore......

    Cara lilli, quando uno si presenta candidato perde la sua privacy e uno puo' anche chiedere che titolo di studio abbia un candidato se deve mettere in conto di votarlo.

    Altro e' la volgarita' ma, lo ripeto, sui commenti non c'e' nulla di simile: al limite c'e' sarcasmo ma se poi dobbiamo censurare il sarcasmo e' la fine.

    RispondiElimina
  13. Cosimo Lombardi7 aprile 2011 18:57

    Cara Lilly, sarà il caso rammentare ai frequentatori di questo blogg, ottimo strumento di democrazia, se solo viene ben utilizzato, che il sottoscritto è paziente, è tenace, ma è anche testardo come un asino martinese, per cui, chi crede di essere coperto dall'anonimato potrebbe avere la brutta sorpresa di sentir bussare alla propria porta la polizia postale a chieder conto delle ingiurie vomitate.
    Con tutti gli altri, critici, avversari, ma educati, pronto a qualunque dibattito.
    Unica pregiudiziale : no anonimi.
    Cosimo Lombardi
    P.S. : Il fatto di essere io candidato non autorizza nessuno a travalicare i limiti della buona creanza, anche perchè dei voti degli scostumati non so cosa farmene.

    RispondiElimina
  14. Ogni cittadino ha il diritto di ricorrere alla Magistratura per tutelare la propria persona,i propri interessi e le proprie idee.

    NATURALMENTE ASSUMENDOSI LE PROPRIE REPONSABILITA' IN MERITO.

    RispondiElimina
  15. Cara Lilliy,
    io sono coriaceo come un onagro siracusano e interverro',con tutti gli stumenti di legge, a difesa di una figura troppo bistrattata e vilipesa: L'ANONIMO.

    Naturalmente quando ricorrono gli estremi.

    Saluti

    RispondiElimina
  16. lilli, cosa e' l'onagro?

    RispondiElimina

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.