Che ora è ?

lunedì 4 aprile 2011

Rinascita Civica presenta il pamphlet Indignatevi!

Martedì 05 Aprile c/o Libreria Nomine Rosae - Via Risorgimento 5/7 - Centro Storico Grottaglie ore 19.00 
Indignatevi! è un pamphlet liberatorio e corrosivo di Stéphane Hessel, diplomatico francese, ex partigiano, novantatreenne combattivo che ha conquistato con questo testo migliaia di lettori.
Dove sono i valori tramandati dalla Resistenza, dove la voglia di giustizia e di uguaglianza, dove la società del progresso per tutti?

A ricordarci le cose che non vanno sono gli eventi di una quotidianità fatta di ingiustizie e di orrori come le guerre, le violenze, le stragi. Hessel parte da qui, per indicare a tutti quali sono i motivi per cui combattere e per cui tenere alta l’attenzione.
L’indignazione è il primo passo per un vero risveglio delle coscienze, e il grido di Hessel ce lo ricorda con fermezza e convinzione.


Non è un giovane estremista di sinistra, non è un cattivo maestro; Stéphane Hessel è un signore di 93 anni, francese d'origine ebrea, che è stato diplomatico, membro della Resistenza francese contro il nazi-fascismo e co-autore della Dichiarazione Universale dei Diritti umani. 

L'ultimo suo lavoro editoriale, Indignez Vous! - quasi testamento morale e politico di un uomo impegnato, giunto alla fase conclusiva della vita - mi ha colpito sin dal titolo. L'ho tradotto e lo sto leggendo con grande interesse perchè sono convinto che di questo sano e forte sentimento d'indignazione noi, qui e ora, in Italia abbiamo un estremo bisogno. Avevo pubblicato, perciò, la mia traduzione del pamphlet di Hessel con l'avvertenza che ciò che l'autore attribuisce al Consiglio della resistenza francese, noi possiamo, a buon diritto, attribuirlo alle indicazioni della nostra amata Costituzione.

L'Autore
Stéphane Hessel, è nato a Berlino nel 1917 da una famiglia ebraica (il padre fu il traduttore tedesco di Proust, mentre la madre fu il personaggio che ispirò Roché e Truffaut per la celebre Catherine di Jules e Jim), ed è cresciuto nella Francia degli anni Trenta. Ha partecipato alla Resistenza francese e dopo la guerra ha lavorato al Segretariato generale dell’Onu. È stato uno dei principali redattori dellaDichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo.
indignatevi


Nessun commento:

Posta un commento

blog culturale fondato dalla giornalista Lilli D'Amicis

Translate

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT

ATTENZIONE! Gli articoli che non trovate qui sono su ORAQUADRA.IT
Questo Blog ha subito una trasformazione, in questo spazio ci si occuperà solo di Spettacolo, Cultura, Sport e Tempo libero. Ho deciso di aprirlo agli operatori culturali e sportivi che con una mail di richiesta possono diventare collaboratori autonomi e quindi inserire liberamente prose, poesie, ma anche report di manifestazioni che riguardano il nostro territorio, oppure annunci di eventi o racconti dove la nostra gente è stata protagonista. Scrivete quindi a lillidamicis@libero.it, vi aspetto!!!

LIBERTÀ DI PENSIERO

"Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.
Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà,
la follia e il mistero".
Pierpaolo Pasolini
scrittore
ammazzato nel novembre del 1975

Visualizzazioni ultima settimana

EINSTEIN DICEVA SPESSO

“Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l’inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”.